Lecce, eccoti il tuo NESTA. TUIA ricorda il passato: "mi accostavano a lui. VOGLIO TORNARE IN A"

Giovedì 8 Luglio 2021 | Cosimo Carulli | News

LECCE - Prime parole da giallorosso per Alessandro Tuia.

Eccole, nella nostra sintesi scritta della conferenza stampa andata in scena in mattinata al “Via del Mare” con accanto il DS Corvino (CLICCA QUI INVECE PER LE PAROLE DEL DS SUL MOMENTO DEL MERCATO DEL LECCE).

Sotto anche la versione video e integrale con le parole del nuovo difensore centrale del Lecce.

Arrivo per restare a lungo - “Sono uno dei pochi calciatori che si ferma molto a lungo ovunque vada. Ho colto questa occasione di venire a Lecce, speriamo sia una esperienza come ce la auspichiamo tutti”.

Baroni - “Non lo conosco, l'ho sentito prima della firma del contratto. E' un tecnico per cui parla il curriculum, ha già vinto il campionato di B e dunque è una garanzia. Ho l'ambizione di tornare a giocare un giorno ancora in A, per una società importante e ambiziosa. Speriamo bene”.

Punti di forza - “Spero di mostrarli sul terreno di gioco. Sono qui per migliorare la fase difensiva, ma non sono il salvatore della patria. Si può fare meglio solo con l'unione e l'unità d'intenti con i compagni di squadra”.

Nesta - “Da ragazzino quattordicenne-quindicenne ero stato accostato a Nesta, poi la sua carriera ovviamente è rimasta lontanissima dalla mia. Non ho rimpianti, le storie di ogni calciatore sono spesso condizionate da diversi fattori”.

Numero di maglia - "Ho visto che il 13 era libero e l'ho riconfermato volentieri. Magari è un segno del destino”.

Modulo - “Ho giocato a tre e a quattro nella mia vita, mi sono sempre trovato bene indifferentemente”.

Tifosi - “Mi auguro possano tornare presto allo stadio. La loro carica è positiva, fa bene alle squadre”.

Campionato - “Se c'è qualcuno che ha qualcosa in più di noi dovrà dimostrarlo sul campo. Siamo una buona miscela di ragazzi giovani e interessanti e esperti di valore".

Scelta Lecce - “La società è ambiziosa, io sono ambizioso. Ci ho messo pochissimo a decidere di essere qui".