News

2 vinte nelle ultime 20, 2 gol presi alla volta nelle ultime 5, 10 su calcio piazzato: L'AGONIA DI UN LECCE ALLO SBANDO CARATTERIALE

I numeri mettono il tecnico sul banco degli imputati, ma l'atteggiamento di una squadra molle è ancora peggio

TORINO - Allo sbando totale, senza nessuna reazione. L'encefalogramma è piatto. Ma tanto va tutto bene, l'orchestra continua a suonare. Speriamo senza che il “Titanic” affondi. Lo speriamo davvero.

Basta un Torino su ritmi parrocchiali, senza forzare, senza affondare, in surplace, per avere ragione di un Lecce che per la 5° partita di fila ha subito almeno 2 gol alla volta e che a Torino ha subito il 10° gol sugli sviluppi di calcio piazzato. Neppure da fermi, su situazione di calcio “leggibile”, il Lecce riesce a fare la squadra di carattere, a vincere un duello fisico.

Un Lecce senza reazione, adagiato e adeguato sulla velocità di gioco del Torino che una volta arrivato al gol ha tenuto in pugno la gara senza che i giallorossi si degnassero di una reazione anche d'orgoglio, anche di un elettroshock di rabbia per lo svantaggio. Niente.

Il manifesto plastico di tanto adeguarsi agli eventi? Il cambio Touba-Oudin per difendere l'1-0 (contro…) dopo l'espulsione di Pongracic. Un segnale chiaro dalla panchina, raccolto da una squadra senza nessuna reazione, siamo ripetitivi.

Sono 2 le vittorie dei giallorossi nelle ultime 20 partite, sono 5 i punti raccolti in trasferta in tutto il campionato, una miseria. E davanti c'è l'Inter nel prossimo turno.

La situazione sembra molto ma molto complicata, oltre la classifica, la gestione tecnica di D'Aversa, a noi, molto umilmente, ci sembra allo sbando, ancora sulla base dei numeri: dalla 17° giornata ad oggi la sua squadra è miseramente l'ultima della Serie A per punti fatti.

Commenti

Qui Torino-Lecce: formazioni ufficiali, tabellino, azioni, "TUTTO LIVE"
La "Passione di Cristo" coinvolge centinaia di spettatori: lo spettacolo ad ALLISTE