STICCHI DAMIANI: "ricorrendo al Collegio di Garanzia del CONI si poteva giocare Reggiana-Salernitana"

Lunedì 19 Aprile 2021 | Cosimo Carulli | News

LECCE - Oltre che sulla posizione della Lega e del Lecce sulla questione sospensione del campionato (CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTI I TEMI DELLA CONFERENZA STAMPA), oggi il Presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani è tornato anche sull'unico 0-3 a tavolino per coronavirus maturato tra Reggiana e Salernitana, offrendo la sua chiave di lettura giuridica (Sticchi Damiani è come sappiamo apprezzato avvocato e docente di Diritto Sportivo).

La spiegazione - “Avendo già esaurito il bonus di squadra previsto dal Protocollo la Reggiana ha perso a tavolino quella gara con la Salernitana semplicemente perchè non aveva neppure 13 calciatori negativi al coronavirus per presentarsi in campo regolarmente. Per questo il Giudice Sportivo si è espresso nella normale casistica in questi casi, con lo 0-3 a tavolino, e da lì la formazione granata non mi risulta abbia fatto opposizione al Collegio di Garanzia del CONI. E' lì che qualche settimana dopo il Napoli ha avanzato le sue rivendicazioni giuridiche, ottenendo quel pronunciamento che tutti conosciamo su Juventus-Napoli, ossia il ribaltamento del 3-0 a tavolino e la disputa regolare della gara. Questa opportunità giuridica si è creata solo dopo e avrebbe potuto essere applicata a Reggiana-Salernitana, ma oramai la questione relativa al risultato di quella gara era oramai chiusa e non c'erano più spazi temporali per i ricorsi”.