Ora ci vuole un'impresa. Sfiduciato, senza forze, moralmente abbattuto: il Lecce REGALA il 3° POSTO al Monza. La cronaca

Lunedì 10 Maggio 2021 | Cosimo Carulli | News

EMPOLI - Il Lecce di Corini cade anche a Empoli e spreca l'opportunità di chiudere la stagione regolare da terzo in solitaria, mettendosi davanti al Monza battuto in casa dal Brescia. Avanti con Rodriguez Delgado i giallorossi nella ripresa subiscono la rimonta dei padroni di casa che ribaltano meritatamente il punteggio con le reti di La Mantia e Matos. Lecce che finisce quarto, e nella SemiFinale play off affronterà la vincente di Venezia-Chievo Verona, con i lagunari che godono del vantaggio del fattore campo e del doppio risultato (avanti anche con un pari).

Lampo spagnolo - Come annunciato Corini ricorre a un robusto turn over, proponendo anche un nuovo modulo, il 3-5-2. Tra le novità in campo dal primo minuto ci sono Paganini, Pisacane, Nikolov e Rodriguez Delgado che prende il posto di Coda, in panchina anche perchè diffidato e dunque preservato da Corini in vista dei play off. In partenza i ritmi sono blandi, anche per il gran caldo. Il primo guizzo è dell'Empoli con Bajrami che conclude da posizione pericolosa, ma per due volta trova l'opposizione di Dermaku che ribatte con prontezza. Al 24', però, è il Lecce che passa al termine di una bella azione: cross di Henderson dalla trequarti, testa di Paganini che fa da sponda e destro vincente sotto porta di Rodriguez Delgado, al sesto centro stagionale alla prima stagione da professionista.

Pressione - L'Empoli non ci sta, anche se già promossa la formazione toscana vuole chiudere il campionato con l'imbattibilità casalinga. Alla mezz'ora buona opportunità per i padroni di casa con una punizione dalla lunetta dell'area di rigore, ma Bandinelli calcia sulla barriera. Poi ci prova Stulac dalla distanza, ma la conclusione termina di poco a lato. Nel finale di tempo si esalta Gabriel che per tre volte nega il pari alla formazione toscana. Al 42' è La Mantia a un passo dalla porta, ma calcia clamorosamente tra le braccia del portiere brasiliano. Un minuto dopo Gabriel sventa un colpo di testa di Mancuso da ottima posizione, poi l'estremo difensore del Lecce respinge un'altra conclusione di La Mantia.

Rimonta meritata - La ripresa si apre con il pari dell'Empoli. Su cross di Sabelli La Mantia colpisce di testa e questa volta fa centro, anche per la complicità di Gabriel che non riesce a bloccare un pallone sicuramente parabile. La reazione del Lecce porta a un gran sinistro di Nikolov che si stampa sul palo, poi dalle due panchine inizia la girandola delle sostituzioni che premia la formazione toscana. Matos, entrato al posto di La Mantia, salta Lucioni (che era subentrato a Dermaku) e con un preciso rasoterra trafigge Gabriel, completando la rimonta dell'Empoli. Nel finale il Lecce non ha più la forza per reagire, nonostante le buone notizie da Monza che renderebbero ancora possibile la caccia al terzo posto. E la stagione regolare per i giallorossi si chiude con un'altra amara sconfitta e un pizzico di sfiducia che sta iniziando a serpeggiare tra i giallorossi, anche oggi abbastanza abbattuti dalle prime difficoltà e incapaci di reagire.

TABELLINO

EMPOLI - LECCE 2-1

Marcatori: Rodriguez Delgado al 24' p.t., La Mantia al 6' s.t., Matos al 24' s.t.

Empoli (4-3-1-2): Furlan; Sabelli, Nikolaou, Romagnoli, Parisi (dal 23' s.t. Cambiaso); Haas, Stulac, Bandinelli (dal 12' s.t. Zurkowski); Bajrami (dal 32' s.t. Ricci); Mancuso (dal 32' s.t. Olivieri), La Mantia (dal 12' s.t. Matos). (Pratelli, Crociata, Moreo, Fiamozzi, Damiani, Pirrello, Viti). Allenatore Dionisi.

Lecce (3-5-2): Gabriel; Pisacane, Dermaku (dal 22' s.t. Lucioni), Meccariello; Paganini, Henderson (dal 22' s.t. Mancosu), Hjulmand (dal 37' s.t. Bjorkengren), Nikolov (dal 33' s.t. Majer), Gallo; Rodriguez Delgado (dal 22' s.t. Yalcin), Stepinski). (Bleve, Vigorito, Maggio, Coda, Zuta, Calderoni). Allenatore Corini.

Arbitro: Aureliano di Bologna (Raspollini-Scatragli, IV Ufficiale Santoro).

Note: ammoniti Meccariello, Haas, Pisacane, Parisi, Olivieri, angoli 5-7, recupero 1' p.t., 4' s.t.