Cronaca

GAMBIZZATO IN MEZZO AI TURISTI: si torna a sparare nelle marine leccesi, un ferito grave

Un 44enne con precedenti penali è stato raggiunto da almeno due colpi di pistola alla gamba: inizialmente ha cercato soccorso autonomamente

LECCE - Estate di colpi di pistola lungo il litorale leccese.

Al termine di una sparatoria nel tardo pomeriggio di ieri, mentre San Cataldo andava a fuoco, un uomo di 44 anni, già noto alle forze dell'ordine, è stato raggiunto da un paio di colpi di pistola all'altezza delle gambe.

L'episodio si è verificato a Torre Chianca, altra marina leccese piena di turisti e villeggianti ieri per una delle giornate più calde dell'estate.

L'uomo, per nulla intimorito dalle importanti ferite riportate nel tentativo di gambizzazione, stando alle prime ricostruzioni sarebbe subito montato a bordo di un FIAT Doblò per raggiungere autonomamente l'ospedale accompagnato da un conoscente. In prossimità dell'ingresso in città, però, la perdita di sangue e i dolori sarebbero stati tali da rendere necessario l'intervento immediato di un'ambulanza che ha poi completato il soccorso in maniera professionale consentendo al ferito di raggiungere il “Fazzi” in sicurezza.

Arrivato in ospedale in codice giallo il 44enne è stato ricoverato immediatamente con lesioni giudicate di particolare entità dal primo referto medico, per cui la prognosi è ancora indefinita.

Sull'episodio di cronaca, però, parallelamente stanno lavorando le forze dell'ordine, la Scientifica intervenuta sul luogo della sparatoria e gli agenti della Questura di Lecce: a loro ora il compito di dare un volto e un nome alla mano che ha sparato senza paura in mezzo a turisti e villeggianti.

Commenti

ESCLUSIVO SoloLecce.it. I TECNICI DEL WWF ALLE FORZE DELL'ORDINE: "erano pronti 11 inneschi per un incendio senza precedenti". I danni, la situazione
La "Passione di Cristo" coinvolge centinaia di spettatori: lo spettacolo ad ALLISTE