CHIEVO VERONA, UMILIAZIONE AL TAR: "dove sono le tasse dal 2014 al 2018"? Gialloblù fuori

Mercoledì 18 Agosto 2021 | Cosimo Carulli | News

ROMA - Il Chievo Verona è fuori.

Lo ha stabilito ancora una volta il TAR del Lazio, questa volta con l'udienza nel merito che si è discussa in queste ore, anticipata dal 6 settembre a ieri per consentire al calcio italiano di ripartire con qualche certezza sugli organici del campionato di B e di conseguenza di D della stagione tra poco al via.

Per il TAR del Lazio “alla data del 28 giugno, termine perentorio per garantire il regolare svolgimento del campionato, la società ricorrente non risulta né aver assolto agli obblighi fiscali maturati dal periodo di imposta dal 2014 al 2018 né di aver depositato atti di transazione o rateizzazione del debito”.

Per questo la decisione dell'esclusione “appare conforme alla normativa di cui al sistema di concessione delle licenze nazionali o comunque non irragionevole”, concludono i giudici amministrativi.

Per il Chievo Verona, dunque, è “game over” definitivo.