"Terrone del cazzo". FORTE, FORTISSIMA: l'Atalanta è una gioia, ma HA QUESTO BIFOLCO COME TEAM MANAGER

Domenica 12 Luglio 2020 | Cosimo Carulli | News

BERGAMO - La Procura Federale della FIGC ha aperto un procedimento disciplinare a carico del Team Manager dell'Atalanta Mirco Moioli (FOTO SOPRA) che ha liquidato un tifoso del Napoli vestito con la maglietta del Lecce come "terrone del cazzo".

L'episodio è accaduto all'arrivo del pullman dell'Atalanta a Torino per Juventus-Atalanta (finita 2-2 sul campo ieri sera, SOTTO IL VIDEO-SERVIZIO DELLA NOSTRA REDAZIONE).

Un tifoso del Napoli, vestito con una maglia numero 10 da trasferta del Lecce di qualche stagione addietro, si è infilato nel torpedone di calciatori, atleti e staff della "Dea", provocando il tecnico Gasperini: "dopo dieci anni ve la giocate la partita o gliela regalate come al solito"? la domanda del tifoso, mandato a quel paese da Gasperini ("vai a fare in culo", la risposta del tecnico...).

Meno "diplomatica" quella del Team Manager della società neroazzurra che ha dato del "terrone del cazzo" al tifoso e oggi si è scusato pubblicamente con una dichiarazione: "non mi sto giustificando", ha sostenuto Moioli, "sono consapevole di aver sbagliato anche nei confronti dell'Atalanta, non sono stato in grado di mantenere la calma di fronte alla provocazione evidentemente preparata a dovere da quel signore".