News

BARONI SENZA SCUSE: "brutto 2° tempo. In attacco dobbiamo trovare subito soluzioni per arrivare al gol"

Il tecnico giallorosso parla in Sala Stampa a Torino: le sue parole





TORINO - A fine gara ha parlato ai giornalisti il tecnico del Lecce Marco Baroni che ha analizzato questa sconfitta 1-0 in casa del Torino.

Ecco le sue parole.

Riflessioni - “Abbiamo avuto un calo vistoso nel 2° tempo, anche fisico. Paghiamo certamente le gare ravvicinate, la squadra spende molto ed è molto giovane, qualcosa la lascia per strada. C'è da lavorare, anche i subentranti devono entrare meglio, mentre invece abbiamo perso le distanze, perso compattezza, strada facendo non abbiamo mostrato queste due caratteristiche che invece sono fondamentali a tenerci in campo”.

Molli - “Non possiamo venire a Torino e fare 8 falli noi e 16 loro. Anche nella aggressività abbiamo lasciato che fossero superiori a noi. E' una sconfitta che ci servirà. Ci sono tante facce nuove, molte non hanno ancora la condizione atletica per dare tutto. Dobbiamo lavorare forte”.

Male il 2° tempo, il concetto - “Nel 2° tempo ci siamo disuniti, è mancata offensività ma è mancata anche tutta la fase di costruzione. Abbiamo fatto un brutto 2° tempo”.

Attacco - “Facciamo fatica a segnare, è vero. Dobbiamo trovare una soluzione per il gol, creiamo, siamo incisivi ma non attacchiamo la porta bene. Anche oggi troppe situazioni senza cattiveria, con letture sbagliate. Con il lavoro sono convinto che queste cose si metteranno al loro posto”.

Calendario - “Ci aspettano sfide importanti adesso per il nostro campionato. La nostra stagione sta lì dentro, ci dobbiamo preparare al meglio. Avremo anche il pubblico dalla nostra con il Monza, è importante perché anche quando non riesci a metterci il massimo in una partita la convinzione in più, quel pizzico di autostima e ottimismo ce lo dà il nostro pubblico. Con loro troviamo anche forze superiori alle nostre”.



Commenti

Qui Torino-Lecce: formazioni ufficiali, tabellino, azioni, "TUTTO LIVE"
Su SoloLecce.it. LE PAGELLE POCO SERIE. Non prendetele sul serio