News

E' FINITA, SIPARIO SUL MERCATO! CORVINO DA NON PERDERE: "spesi tutti i soldi presi con Hjulmand, Strefezza sarà il nostro Mertens"

Le parole del DS del Lecce al termine del calciomercato del Lecce, che oggi non chiuderà altre trattative

LECCE - Giornata di bilanci in casa Lecce, al termine del calciomercato estivo che si chiude oggi e che non riserverà altre sorprese in entrata e in uscita per la società giallorossa.

Già rientrati nel Salento i DS Corvino e Trinchera. Proprio il DS di Vernole si è concentrato in un lungo punto della situazione a fine mercato con la stampa, in questa conferenza stampa, qui in sintesi, sotto nella versione video integrale.

Mercato chiuso - “Il nostro mercato è già finito, parlo già oggi a consuntivo perché non ci saranno altre operazioni. La strategia è stata la solita: mercati alternativi, giovani e patrimonializzazione. Questo ciclo è partito con la cessione più importante della storia del club, quella di Hjulmand, che ci è servita a spendere e re-investire tutto quel che abbiamo incassato. E' un passaggio fondamentale che non tutte le società possono affrontare: c'è chi incassa per pagare debiti e poi ripartire, noi con una situazione patrimoniale in equilibrio e senza debiti abbiamo potuto prendere tutte le entrate per creare nuove possibilità di patrimonializzazione, per poter arrivare ad altri ragazzi a titolo definitivo”.

Monte ingaggi - “Siamo sui 15 milioni e mezzo lordi, un risultato eccezionale, lo stesso monte ingaggi dello scorso anno. Ci dobbiamo sentire tutti Davide, pronti a sconfiggere Golia. Se ci sentiremo Golia siamo già morti in partenza, lancio questo monito. Se mi vedete incazzato è perché questa Serie A è difficilissima, è un animale difficile da combattere. Se perdiamo le nostre caratteristiche è la fine, siamo morti”.

Ancora più giovani - “Eravamo i più giovani e siamo ancora più giovani, età media 23,2 anni. Restiamo tra le prime 3 squadre europee più giovani, con 30 calciatori e 5 portieri, non a caso perché alcuni sono così giovani che ce li vogliamo crescere noi. Su 25 calciatori di movimento 17 sono nati dal 2000 al 2004. E' un vanto. Poi 7 tra questi sono figli delle giovanili”.

Modulo variabile - “4-3-3, 4-2-3-1, la nostra strada per arrivare a Roma, alla meta, è sempre buona, non cambia tanto”.

Destino tattico Blin e Strefezza - “Sono flessibili, restano duttili anche per il resto della stagione. Blin ha le qualità per fare più ruoli, anche lo spirito e la voglia, Strefezza invece è il nostro Mertens, può fare tutto davanti, ne sono convinto”.

Il “colpo” da ricordare - “Ce ne sono tanti, Pongracic, Oudin, Falcone, sono arrivati tutti a seguito di una strategia precisa. Ma anche ogni singola delle 15 cessioni, non è stato facile. 14 invece sono state le entrate. Parliamo di 29 operazioni solo per la prima squadra”.

Commenti

L'ULTIMO GIORNO "LIVE"! Il mercato della A su SoloLecce.it: tutte le operazioni in un flash
La "Passione di Cristo" coinvolge centinaia di spettatori: lo spettacolo ad ALLISTE