L'Italia è senza medici e si batte col virus, 14MILA nuovi camici bianchi restano BLOCCATI DALLA BUROCRAZIA

Lunedì 7 Dicembre 2020 | Cosimo Carulli | Cronaca

ROMA - Si è tenuta oggi in sette diverse città italiane la manifestazione nazionale di protesta dei giovani medici che hanno partecipato al test nazionale di specializzazione, l'hanno superato e sono ancora senza lavoro e senza una sede a causa dei ricorsi seguiti all'annullamento di alcune domande di partecipazione.

L'assunzione di questi professionisti era programmata per l'estate, poi il Governo l'ha rinviata a settembre infine è stata fatta slittare ulteriormente.

In bilico ci sono 14mila medici specializzandi che dovranno attendere la metà di dicembre prima dell'assegnazione alle rispettive Scuole di Specializzazione.

Il Ministro della Università e della Ricerca Scientifica Manfredi ha comunicato che il Consiglio di Stato, in merito ai ricorsi presentati, ha imposto il rinvio della procedura in corso. Un intoppo burocratico che costringe una marea di forze fresche nella sanità a restare ferma ai box mentre il Paese sta fronteggiando la seconda ondata dell'emergenza sanitaria legata al contagio dal coronavirus.