"Sconto" di pena ok, anche senza carcere? Lo stupratore di ragazzini prende 10 ANNI ma è malato in ospedale

Giovedì 18 Marzo 2021 | Cosimo Carulli | Cronaca

LECCE - Il GUP del Tribunale di Lecce Alessandra Sermarini ha condannato a 10 anni di carcere lo stupratore dei bambini di Taviano, autore di almeno 4 violenze sessuali dimostrate e provate dalle indagini dei Carabinieri.

I drammatici episodi di cronaca si sono svolti nel tempo nel casolare degli orrori alla periferia del paese dove l'uomo si appartava con questi ragazzini tutti under 14, con cui si intratteneva in rapporti sessuali anche completi.

L'uomo, un 70enne di Taviano ricoverato in ospedale a causa di alcune patologie, rischia di non scontare la pena in carcere a causa della sua condizione di salute che gli ha impedito anche la partecipazione al processo.

Il dibattimento si è tenuto con il rito abbreviato e la condanna invocata adl PM Simona Rizzo è stata confermata dalla sentenza al massimo della pena consentito, poichè l'imputato ha confessato, collaborato e chiesto il rito abbreviato, potendo così accedere ai benefici previsti dalla legge in termini di “sconto” di pena.