News

Su SoloLecce.it. LE PAGELLE POCO SERIE. Non prendetele sul serio

Tornano le nostre "freddure" sulla prestazione dei giallorossi: da non perdere





PARMA - Anche per questo turno di campionato ecco le pagelle poco serie di SoloLecce.it. Da non perdere, ma anche da prendere non troppo sul serio…, mi raccomando!

PLIZZARI - Tiene la porta chiusa e questo non può che contribuire a dargli autostima in un periodo complicato e dopo alcune pesanti incertezze. Un paio di interventi in cui risponde assolutamente presente. VOTO 6.5.

CALABRESI - Gli capita Man, il solito giocatore inutile per cui il calcio è solo qualche numero da foca fine a sé stesso. Ovviamente lo soffre, prendendo anche qualche metro di troppo negli allunghi del rumeno. Ma tanto le sue giocate sono fuffa, quindi non portano a niente. Giornata di estremo sacrificio. Chiude a sinistra dimostrandosi buono per tutte le stagioni. VOTO 5.5.

TUIA - Conferma le nostre impressioni pre-infortunio. Gioca sempre sull'anticipo, pulito e valido tecnicamente. Guida la difesa, complice una giornata nuvolosa per Lucioni. Speriamo che la condizione atletica adesso lo sostenga… VOTO 6.5.

LUCIONI - Un paio di volte chiude alla grande, un paio di volte gli prende qualche abbiocco pesante. Non è la sua giornata migliore. VOTO 5.5.

BARRECA - Affossa Tutino per un rigore che ci potrebbe stare, poi si dimentica di liberare l'area piccola da un pallone vagante. Per fortuna c'è Man che se lo togli dal giochino preferito di correre avanti e indietro per la fascia non ne capisce nulla del resto del gioco. Esce con i crampi. Ha bisogno della sosta. VOTO 5.

GENDREY - Muscoli per il finale di gara. In un duello aereo salta più in alto di Simy. Non c'è male… VOTO 6.

BLIN - Comincia appisolandosi su un pallone che apre un contropiede micidiale del Parma, poi si centra sui ritmi della gara, si adegua e viene fuori con una grande prestazione. Di sostanza, di muscoli ma anche di intelligenza tattica. E' il migliore in campo del Lecce. VOTO 6.5.

HJULMAND - Con qualche confidenza di troppo con il pallone ci fa menzionare spesso i “Morten suoi”… E' comunque padrone della sala comandi del Lecce, guida Blin a una ottima prestazione. VOTO 6.

BJORKENGREN - Compitino. Si vede meno dei compagni di reparto, a volte impegnato soprattutto nei raddoppi di marcatura, nello “scalare” a sostegno dei compagni del pacchetto difensivo. VOTO 6.

GARGIULO - Fa solo guai. In ritardo, mentalmente e fisicamente. Buona sosta. Arrivederci. VOTO 5.

STREFEZZA - Si illumina a fine corsa, con un paio di tiri. Per il resto si vede davvero poco. Giusto qualche dialogo rapido con Coda, sempre apprezzabili questi duetti da cui potenzialmente può nascere di tutto. Ma questa volta non nasce un tubo. VOTO 5.5.

RAGUSA - Impresentabile. Ha solo due minuti più recupero per fare danni, ma ci riesce alla grande. VOTO 4.5.

CODA - Anche lui si vede poco e niente. E' anche un po' fallosetto. VOTO 5.5.

ASENCIO - Ci mette fisico. Niente di trascendentale, ma qualche sponda è intelligente. Entra nell'azione che quasi quasi manda al bersaglio Strefezza nel finale. VOTO 6.

RODRIGUEZ DELGADO - Sempre nel posto sbagliato nel momento sbagliato, sempre molto affezionato al pallone. Troppo. Va a sbattere contro la difesa del Parma. Costantemente. VOTO 5.

DI MARIANO - Prende campo, prende calci, prende falli, tira, sfiora il gol. Rivederlo è come rivedere lo zio ricco dopo tanti anni e sapere che verrà a vivere da te. Bentornato, sarà fondamentale. VOTO 6.5.

BARONI - Il suo Lecce ha bisogno di ricaricare le pile, ma comunque con il primo tiro all'85° non si fa moltissima strada. Serve più coraggio, alla ripresa in un paio di partite si decide il campionato. E anche il suo futuro (a fine stagione ovviamente). VOTO 5.5.



Commenti

CARILLO ELOGIA IL PARMA: "fatto grande calcio contro il Lecce. Ci è mancata solo un pizzico di fortuna"
CUORE "CHEVA", si confida al prestigioso "EL PAIS": "non voglio bruciare le tappe, ma stare tra i ragazzi"