+++ LA SCHEDA +++ Lecce, sei a pezzi. GLI INFORTUNI, I TEMPI DI RECUPERO

Martedì 23 Giugno 2020 | Cosimo Carulli | News

LECCE - La batosta con il Milan ha lasciato un segno profondo in casa Lecce, uscito con le ossa rotte dal confronto con i rossoneri sul campo e non solo in senso figurato.

Liverani infatti dovrà fare i coni con la rosa decimata per il prossimo impegno allo "Stadium" con la Juventus.

SoloLecce.it ha preferito questo tema e questa ricca scheda sulle condizioni di ogni giallorosso alle polemiche puerili che impazzano su social e altre "testate" concentrate in queste ore su vicende del tutto minori e di contorno di questo Lecce-Milan, che a nostro dire non meritano nessuna visibilità logica e giornalistica e rientrano anzi nel repertorio classico di odiatori seriali e aizzatori di folle di cui abbiamo sentito il puzzo rancido e fetido negli anni passati di "guerra" a SoloLecce.it.

Iniziamo col dire che nessuno degli assenti con il Milan ci sarà a Torino (a parte Donati che rientra legittimamente dalla squalifica).

Di sicuro saranno assenti Deiola (gonalgia al ginocchio sinistro), Dell'Orco (ritardo di condizione atletica dopo un intervento chirurgico per la rimozione di un'ernia inguinale) e anche un "combattente" di centrocampo che avrebbe fatto comodo come Majer (problema agli adduttori, out quindici giorni).

Barak ha già saltato la ripresa di oggi (CLICCA QUI PER I DETTAGLI SULLA SEDUTA DI RIPRESA) e si ripresenterà agli allenamenti solo da domani, da valutare giorno per giorno (trauma contusivo-distorsivo alla caviglia destra, pochissime possibilità di essere recuperato per Juventus-Lecce), mentre Farias sta lavorando in ottica Lecce-Sampdoria per smaltire dei problemi muscolari che lo attanagliano da mesi.

Probabile nuovo forfait anche per Rossettini, fermato da un sovraccarico muscolare, dovranno stringere i denti ancora Mancosu e Saponara che con il "diavolo" hanno giocato al 40% delle possibilità, a dire dei nostri interlocutori da cui abbiamo appreso delle singole condizioni di ogni giallorosso.

Starà fuori Lapadula (distorsione alla caviglia sinistra), il cui problema sembra abbastanza serio. Questa mattina l'attaccante ex Pescara, Milan e Genoa non è riuscito neppure a poggiare il piede per terra per il dolore, non appena si ridurrà il gonfiore sarà sottoposto a degli esami strumentali per valutare l'entità temporale dell'infortunio. La prima diagnosi non è confortante, si teme uno stop che potrebbe oscillare tra le due e le quattro settimane, che nel calendario ristretto del dopo-pandemia sono più o meno quattro o otto partite...