BARONI PREDICA OTTIMISMO: "la prestazione mi è piaciuta. Mi dispiace per i fischi: i giovani vanno sostenuti"

Lunedì 30 Agosto 2021 | Marco Errico | News

LECCE - Nonostante il deludente pari con il Como Marco Baroni riesce a pensare positivo nel dopo partita, guardando soprattutto in prospettiva. Ecco le sue parole in Sala Stampa.

Reazione - "Credo che la reazione dopo Cremona ci sia stata. Nel complesso la prestazione mi è piaciuta, è chiaro che dobbiamo ancora crescere, ma non dimentichiamo che in campo c'erano tanti giovani e alcuni mi hanno sorpreso positivamente. All'inizio eravamo un po' contratti, poi però la squadra è cresciuta con il passare del minuti e ha trovato il vantaggio con merito. Peccato aver preso il gol subito dopo, sarebbe stato importante andare al riposo in vantaggio. Loro sono rimasti molto indietro e noi dobbiamo ancora migliorare nel possesso palla, dobbiamo essere più efficaci soprattutto nelle rifiniture esterne in funzione del gol, altrimenti certe partite diventano difficili. Ma lo sapevamo che questa era una partita complicata".

Cambiamenti - "Il problema non è il modulo, non credo che cambiando adesso ci possano essere dei grandi miglioramenti. Ci sono diversi calciatori che sono arrivati da poco. Strefezza da qualche settimana, Di Mariano solo ieri e comunque quando l'ho messo dentro ha fatto bene. Helgason sta giocando in una posizione del tutto nuova per lui e a me è piaciuto. Sul piano della voglia, del piglio, dell'aggressività non ho nulla da rimproverare ai ragazzi, era una partita a rischio perchè loro nelle transizioni potevano essere pericolosi. Ma sono sicuro che questa squadra crescerà. Magari ci vorrà un po' di tempo, ma ci sono margini di miglioramento importanti, nell'atteggiamento e nello sviluppo del gioco".

Fischi - "Ho messo Vera Ramirez al posto di Gallo anche perchè il ragazzo poteva essere distratto da qualche voce di mercato. Voglio sostenere i nostri ragazzi, anche sul'altra corsia sta giocando Gendrey al posto di Calabresi, è importante avere sempre delle valide alternative. Il malumore dei tifosi all'uscita dal campo può servire anche da stimolo. Le responsabilità delle scelte me le assumo io, ai tifosi chiedo solo di sostenere i giovani, perchè nella squadra vedo la voglia di dare tutto in campo. Non possiamo cambiare la nostra natura, dobbiamo diventare più concreti sotto porta per valorizzare il nostro lavoro".