Corini ha raddrizzato il Lecce. I giallorossi ci mettono ORDINE e LUCIDITA', sfiorano la vittoria, ma fanno 0-0. La cronaca

Lunedì 4 Gennaio 2021 | Cosimo Carulli | News

LECCE - Corini ha raddrizzato il Lecce. I giallorossi lottano alla pari del Monza, ritrovano ordine e una buona disposizione tattica, sfiorano la vittoria nel finale, soffrono nella fase centrale del primo tempo il maggior livello tecnico di alcuni avversari, ma alla fine portano a casa uno 0-0 che è soprattutto una iniezione di fiducia per la fase difensiva e in vista della ripartenza dopo la breve sosta di campionato e il mercato.

Equilibrio - Il pomeriggio di Lecce-Monza si apre con un colpo di scena: Balotelli ha un problema muscolare nella rifinitura, lascia il posto a Gytkjaer. Il Lecce invece è quello atteso alla vigilia con l'inedita coppia centrale Dermaku-Meccariello, Zuta a sinistra, Paganini di nuovo mezz'ala destra e Mancosu alle spalle di Coda e Stepinski, che sarà tra i migliori per la sua azione di collante tra i reparti. L'avvio è nervoso e bloccato, ci sono tre ammoniti subito (Mancosu, Bettella e Tachtsidis), soprattutto il capitano sembrerà condizionato nelle sue entrate successive dal giallo troppo prematuro. Poi Corini perde pure Paganini per infortunio e a centrocampo entra Majer, alla sua migliore prestazione stagionale.

Lampi di classe - La partita viaggia sul filo dell'equilibrio con un leggero predominio del Monza dettato anche dalla differenza tecnica di alcuni singoli. Al 23' Boateng ci prova al volo con il destro davanti a quella porta in cui aveva realizzato una tripletta in Lecce-Milan del 23 ottobre 2011: questa volta la mira è un disastro. L'unico squillo del Lecce arriva in pieno recupero, con un colpo di testa di Zuta su cross di Mancosu che sfiora il palo alla destra del portiere. Anche il macedone farà una grande gara. Pochi istanti prima Coda aveva provato ad allungarsi verso il portiere su sponda di Meccariello, pure lui da menzionare per precisione e puntualità difensiva.

In ghiaccio - Nella ripresa lo spartito no cambia: le squadre pensano soprattutto a limitare l'avversario, con coperture massimali in tutte le zone del terreno di gioco. Al quarto d'ora sussulto Lecce con Coda che vince un contrasto con Donati (irriconoscibile, probabilmente il peggiore in campo), si invola ma con il destro conclude altissimo anche lui, come Boateng nel primo tempo. Finale "caldissimo" con Bellusci espulso con un rosso diretto per un grave fallo di gioco su Tachtsidis, in ritardo e con due gambe sull'avversario a piedi praticamente uniti. Il finale è tutto giallorosso, con Dermaku che sfiora il palo in girata di sinistro sugli sviluppi di un angolo e Meccariello che qualche secondo prima si era fatto deviare un bel colpo di testa proprio sul fondo.

TABELLINO

LECCE - MONZA 0-0

Lecce (4-3-1-2): Gabriel; Adjapong, Dermaku, Meccariello, Zuta; Paganini (dal 18' p.t. Majer), Tachtsidis, Henderson (dal 15' s.t. Listkowski); Mancosu; Coda, Stepinski (dal 33' s.t. Bjorkengren). (Bleve, Vigorito, Rossettini, Monterisi, Dubickas, Calderoni, Lo Faso, Maselli). Allenatore Corini.

Monza (4-3-1-2): Di Gregorio; Donati, Bellusci, Bettella, Carlos Augusto (dal 27' s.t. Sampirisi); Frattesi (dal 27' s.t. Armellino), Barberis, Barillà; Boateng (dal 37' s.t. Marin); Gytkjaer, D'Errico (dal 21' s.t. Maric). (Lamanna, Sommariva, Fossati, Scaglia, Colpani, Lepore, Pirola). Allenatore Brocchi.

Arbitro: Marinelli di Tivoli (Perrotti-Raspollini, IV Ufficiale Camplone).

Note: espulso Bellusci al 45' s.t. per grave fallo di gioco, ammoniti Mancosu, Bettella, Tachtsidis, Dermaku, angoli 1-4, recupero 3' p.t., 5' s.t.