News

D'AVERSA, "CHIAMATA ALLE ARMI" AL SALENTO: "in emergenza numerica ci deve spingere la gente"

Le parole del tecnico giallorosso alla vigilia di questo Lecce-Cagliari

LECCE - La vigilia di Roberto D'Aversa è tutta sul Cagliari, nonostante ogni tentativo anche della stampa locale di portarlo giornalisticamente sui temi “caldi” del mercato. Giusto così, doverosi i tentativi, ottima la “resistenza” del mister che alla vigilia di Lecce-Cagliari ha parlato alla Stampa.

Ecco tutti i temi trattati nell'intervista, qui in questa ampia sintesi scritta, sotto nella video-intervista completa.

Infermeria - “Almqvist ha fatto bene una settimana intera, Pongracic ha ripreso oggi. Valuteremo se partiranno dall'inizio o meno”.

Cagliari - “Non si può prepararla in un modo solo, deve essere importante, fondamentale l'aspetto mentale e della determinazione. A Bergamo abbiamo vissuto un paio di minuti difficili dopo il gol preso, ma molti di meno di quanti ne abbiamo fatti vivere all'Atalanta. Per questo sarebbe un errore pensare che se ripeteremo soltanto la prestazione di Bergamo basterà ad avere vita facile col Cagliari. Noi vogliamo scrivere una pagina importante della storia del Lecce, non solo per il record di punti nel girone d'andata ma per fare un passo fondamentale verso il nostro obiettivo”.

Assetto dell'avversario - “Loro hanno variato dal 4-3-1-2 al 3-4-1-2, poi sono passati al 4-4-2. Sarà importante che i ragazzi siano bravi a leggerla subito questa partita. Giocano un calcio verticale, sfruttano il gioco aereo, ti portano ad allungarti. Si fa risultato pieno solo con compattezza assoluta”.

Punte - “Krstovic ha avuto tante occasioni a Bergamo in cui non è stato solo sfortunato a non segnare, è stato bravo anche a crearsi tutte le situazioni di cui parlate come opportunità sprecate. E' vero, le punte si pesano anche per i gol che fanno, ma non è opportuno parlare oggi di aspetti negativi”.

Ranieri, il maestro di tutti - “E' un allenatore-esempio, per tutti. Ha fatto qualcosa di clamoroso a Leicester, ma anche salvando altre squadre entrando in corso o portando in A il Cagliari questa estate. Va preso come esempio assoluto”.

Ambiente - “Al momento siamo in emergenza, probabilmente avremo Blin per Pongracic al centro della difesa, se vogliamo raggiungere obiettivi in difficoltà numerica l'apporto della nostra gente è fondamentale. Con lo stadio che ci spinge possiamo andare oltre noi stessi”.

Mercato - “Ragioniamo su domani, non conta oggi cosa mi serve o meno. Oramai dovreste conoscermi, prima della partita sapete su cosa sono concentrato”.

Tifoserie - “Ho allenato a Genova dove il pubblico è alle spalle e spinge, fa tanto. Qui, nonostante gli spalti più lontani la gente la senti eccome, immaginiamoci cosa accadrebbe con un altro stadio… Penso a gare come Lecce-Lazio, a come le abbiamo rimontate con le persone alle nostre spalle, il supporto è fondamentale”.

Commenti

CAGLIARITANI IN MARCIA: numeri non da sottovalutare per la tifoseria isolana. Ecco quanti saranno nel Salento
La "Passione di Cristo" coinvolge centinaia di spettatori: lo spettacolo ad ALLISTE