News

GIOIA' D'AVERSA: "dato un segnale al campionato. Stiamo facendo un percorso straordinario"

Le parole a fine gara del tecnico del Lecce dopo questo 2-1 sul Frosinone





LECCE - A fine gara, sui temi di questo intenso Lecce-Frosinone finito 2-1 per i giallorossi, abbiamo sentito in Sala Stampa il tecnico del Lecce Roberto D'Aversa. Ecco le sue parole.

Punti pesantissimi - “Sono 3 punti che valgono tantissimo, siamo avanti nello scontro diretto anche col Frosinone, siamo avanti in classifica a quella che veniva considerata la sorpresa di tutto il campionato. Oggi valeva tanto, tantissimo, e noi non ci siamo tirati indietro, utilizzando anche le due punte nel finale. Abbiamo meritato questa vittoria anche a compensazione di tante occasioni sprecate, di punti persi per strada che ci potevano dare una classifica ancora migliore”.

Segnale al campionato - “20 punti sono un bel segnale, di competenza del club, della serietà del lavoro quotidiano dei ragazzi. Stiamo bene fisicamente, non abbiamo mollato anche oggi sino alla fine, nonostante la giovane età di tanti della rosa che poi si fa sentire anche in termini di nervosismo, di tensione davanti a una gara così importante. Dobbiamo fare i complimenti a tutti, stiamo facendo un percorso straordinario. Merito dei ragazzi”.

Banda e Piccoli - “Hanno numeri importanti. Se Banda fosse già un prodotto finito, un calciatore già completo non sarebbe qui…, dunque dobbiamo farlo crescere, farlo lavorare sugli errori che commette e fargli fare sempre una scelta in meno a fine azione per renderlo più utile oltre che bello a vedersi. Piccoli vive questo dualismo con Krstovic in maniera sana ma con tensione ovvia, quando abbiamo messo il montenegrino nel finale lui credeva già di uscire e l'abbiamo rimproverato, non si deve abbattere. Ha le caratteristiche per giocare anche con Krstovic”.

Squalificato a “San Siro” - “Mi dispiace per l'ennesimo giallo evitabile, vorrà dire che a Milano potrà godere dello scenario il mio Vice Tarozzi. Se lo merita”.



Commenti

FLASH. D'AVERSA SI SCIOGLIE NELLA COMMOZIONE: "vittoria per mia mamma, è un periodo difficile"
PICCOLI, LA GODURIA E L'ADRENALINA DELLA COMPETIZIONE: "io mi gaso così"