Cronaca

ULTIM'ORA. QUIRINALE: disastro SALVINI, manda la Casellati contro un muro. Buco nell'acqua al 5° scrutinio

Nuova fumata nera a Montecitorio, ma è nerissima per il centrodestra che voleva "contarsi" per forzare l'elezione del Capo dello Stato





ROMA - Strategia fallimentare per il centrodestra guidato dal leader della Lega Matteo Salvini che ha provato il blitz per piazzare la bandierina del centrodestra al Quirinale forzando la mano sulla candidatura di Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Si è chiuso invece con un nulla di fatto qualche minuto addietro il 5° scrutinio per l'elezione del Presidente della Repubblica Italiana.

Il centrodestra che contava su una base di 440 voti ipotetici, da “allargare” per “pescare” a sinistra e prendersi il Quirinale con Maria Elisabetta Alberti Casellati, si è fermato ad appena 382 preferenze per l'ex avvocato di Berlusconi e attuale Presidente del Senato, registrando una sessantina di “franchi tiratori”.

Nel pomeriggio, subito, è prevista una 6° votazione, sempre a “caccia” di 505 voti per avere la maggioranza relativa ed eleggere il successore di Sergio Mattarella.

Questa 5° tornata era la seconda di fila andata a vuoto con una maggioranza richiesta che adesso si è fatta solo relativa, dopo la 4° della serata di ieri che aveva registrato il testa a testa tra Sergio Mattarella e Guido Crosetto (candidato di bandiera di Fratelli d'Italia), ben lontani ovviamente dal quorum richiesto.

I primi tre scrutini, con la montagna insuperabile della maggioranza qualificata dei due terzi dei grandi elettori da raggiungere, erano stati del tutto rituali, senza “emozioni” al voto.



Commenti

"PRIMAVERA", RIBALTONE FATALE. Va avanti e si illude, poi la Sampdoria cala il tris
BARRECA, ECCO L'ESITO DEGLI ESAMI! Uno stop che fa rientrare in "pista" VERA RAMIREZ?