Ospiti

GASPERINI, FARI PUNTATI SUL LECCE: "non voglio cali nel finale. Vinciamo per chiudere il 2023 bene"

Le parole del tecnico dell'Atalanta che si cala anche in atmosfere da bilancio di fine anno solare

CISERANO - Al “Bortolotti” di Zingonia di Cesarano al termine della rifinitura dell'Atalanta ha parlato con i giornalisti lombardi il tecnico della “Dea” Gian Piero Gasperini.

Ecco tutti i suoi spunti in ottica Lecce e non solo.

Attesa per un cambio di passo - “Abbiamo fatto sempre la prestazione, a Roma, a Firenze, ovunque. Le ultime sconfitte sono maturate nel finale, quando il risultato poteva prendere anche un'altra piega. Sicuramente ci abbiamo messo qualcosa di nostro in termini di concentrazione. Nel calcio non si vince ai punti e anche chi non merita può vincere su un episodio. Facile dire che ci bastava qualche pareggio in più per avere una classifica ancora migliore, ma per questo dobbiamo rimediare domani. Voglio una squadra attenta a gestire il finale o a fare il massimo se servirà, sempre nel finale: una squadra insomma che presti molta attenzione alla fase ‘calda’ della partita”.

Lookman via dopo il Lecce - “E' ovvio, la Coppa d'Africa mi preoccupa, sia per le gare ravvicinate che per la qualità delle sfide, la posta in palio, il rischio infortuni. Perderemo un elemento importante in questa fase, dovremo sopperire con la nostra rosa che in attacco ha tante scelte”.

Mercato alle viste - “Non ho fatto la letterina a Babbo Natale. Difensori? Dipende dalle valutazioni della società e se finiremo di avere infortuni frequenti, da Toloi a Hateboer passando per Palomino. In porta lascerò alla società la scelta, io continuo a pensare che non ci sia di meglio che alternare Carnesecchi e Musso. Per domani per esempio devo ancora pensarci”.

Scamacca pronto? - “Sì. Ha avuto un paio di piccoli infortuni, tutte le volte che si ferma ha poi bisogno di tempo per ripartire. Ora sta bene, sulla carta l'ultimo infortunio sembrava essere serio, invece è pronto”.

2023 che se ne va - “Siamo 5° in classifica nell'anno solare e non mi sembra poco, è passato un po' sotto silenzio questo dato che per me è invece un grandissimo risultato. L'obiettivo dell'anno nuovo è continuare a dare solidità al progetto Atalanta. Intanto vinciamo questa sfida difficile con il Lecce per chiudere bene”.

Commenti

L'APPROFONDIMENTO. Ansia Lecce per SANSONE: la prima diagnosi, il problema, gli esami
La "Passione di Cristo" coinvolge centinaia di spettatori: lo spettacolo ad ALLISTE