News

NUOVO PROTOCOLLO ANTI-CORONAVIRUS. Sticchi Damiani perplesso: "chiarire molti punti. Giochiamo con le mascherine"?

Le parole del Consigliere di Lega della Serie B dopo la svolta delle istituzioni sportive per salvare il campionato di A





ROMA - Il calcio riscrive i suoi protocolli sanitari, dopo i 4 ko al programma della Serie A dell'ultimo turno e le 3 gare che nel fine settimana salteranno sicuramente, appesantendo ancora di più il calendario della massima categoria.

Con 13 elementi non positivi si dovrà scendere in campo, è questa la nuova linea, altrimenti sarà 0-3 a tavolino. Un modo per contenere gli interventi delle ASL e garantire continuità al campionato.

Per il Presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani restano dei punti da chiarire, dei nodi da sciogliere: cosa fare quando si è a contatto con un positivo, anche se hai effettuato tutto il ciclo vaccinale? Secondo le nuove disposizioni basterebbero 10 giorni di mascherina FFP2, ma come si fa a conciliare la mascherina con il calcio giocato? Ecco le titubanze di Sticchi Damiani.

Nuovo protocollo sanitario, parla Sticchi Damiani - “Se la ASL continuerà a bloccare i calciatori che hanno effettuato tre dosi di vaccino resteranno comunque in piedi dei provvedimenti che vanno contro questo protocollo. E' da chiarire, quindi, se i contatti stretti che non devono più andare in isolamento siano comunque obbligati all'uso della mascherina FFTP2 per dieci giorni o meno. Con la mascherina non si può giocare a calcio, serve un intervento statale o un accordo con le ASL”.



Commenti

Qui VICENZA: tutti recuperati! Il coronavirus lascia i veneti, restano positivi solo tra dirigenti e staff
SETTORE GIOVANILE: Lecce, mosse a sorpresa. Parte CRONE BACK, lo slovacco JACKULIAK torna a casa