News

TRASFERTA A PERUGIA, via alla prevendita col "GIALLO": l'Osservatorio vuole dei limiti. Su SoloLecce.it

Via alla vendita dei tagliandi per la trasferta del "Curi" di Perugia, ma c'è ancora incertezza... Ecco perchè





LECCE - Con una nota ufficiale il Lecce ha “lanciato” la prevendita per il settore Ospiti dello stadio “Curi” di Perugia in vista della trasferta di domenica 6 marzo alle 15.30 in Umbria.

La vendita dei tagliandi è libera, almeno per il momento, è qui scatta il “giallo”, il solito all'italiana.

Lo scorso 23 febbraio con una nota indirizzata alla Questura di Perugia l'Osservatorio sulle Manifestazioni Sportive del Ministero dell'Interno aveva segnalato questa sfida e Avellino-Catania dell'ultimo fine settimana appena trascorso tra quelle più problematiche con “profili di rischio”, è scritto nel dispositivo dell'Osservatorio, che avrebbero richiesto la vendita dei biglietti del settore Ospiti ai soli residenti nella provincia di Lecce (la Determinazione è la numero 7 del 23 febbraio, dal sito ufficiale del Viminale).

Una segnalazione che la Questura di Perugia al momento non ha raccolto o ha deciso di scartare, fidandosi della capacità organizzativa del suo ordine pubblico. Al momento, dunque, la trasferta è libera, ma è suscettibile di diverse valutazioni da parte della Questura umbra che come detto può recepire totalmente, parzialmente o non recepire le indicazioni del Ministero dell'Interno, affidandosi comunque a decisioni prese in autonomia, prendendosi le responsabilità del caso. Le segnalazioni del Ministero sono solo “consigli”, appunto.

Biglietti al momento già disponibili sulla piattaforma “TicketOne” e nelle rivendite abilitate a questo circuito, prezzo unico 15 Euro per tutte le età, senza riduzioni. Tagliandi in vendita sino alle 19 di sabato 5 marzo (NELLA FOTO SOPRA IL “MURO” UMANO DEI TIFOSI DEL LECCE AL “BRIANTEO” DI MONZA).



Commenti

DALLE SEDI. Lecce-Ascoli è già iniziata! Ripresi gli allenamenti, la situazione. OUT LUCIONI
FILOSOFIA BARONI: "la classifica? E' come le montagne, se guardi troppo caschi... Stiamo sereni"