STICCHI DAMIANI: "con un pizzico di attenzione si poteva vincere. Ora iniziamo bene l'anno"

Giovedì 31 Dicembre 2020 | Marco Errico | News

LECCE - Con un pizzico di attenzione in più il Lecce poteva portarla a casa.

E' stata la sensazione del tifoso medio, è anche il pensiero di Saverio Sticchi Damiani che il giorno dopo non nasconde la sua amarezza ai nostri taccuini. Ecco l'intervista al rientro dal Veneto.

Specchio di questo periodo - "La gara è stata lo specchio del Lecce di questo periodo. Siamo belli quando attacchiamo, quando c'è da difendere andiamo in sofferenza. A Cittadella abbiamo avuto dei problemi sotto gli occhi di tutti sui palloni alti, con l'ingresso di Dermaku nel finale la situazione è migliorata. Questo ragazzo può darci delle certezze in più anche rispetto al futuro, in cui sarà importante".

Delusione e amarezza - "Nel complesso abbiamo lottato, dato battaglia contro una formazione tosta. Con un pizzico di attenzione in più si poteva vincere. Facendo un semplice conteggio delle occasioni potremmo dire che il pareggio è giusto, le squadre si sono contrapposte colpo su colpo, ma noi abbiamo avuto l'opportunità di chiudere il conto sul 2-1, mancando il 3-1, e poi abbiamo subito gol appunto per disattenzioni nostre. In questo sostanziale equilibrio, dunque, abbiamo degli elementi di rammarico, potevamo far pendere la bilancia dalla nostra parte".

Singoli - "Coda è stato molto bravo su tutto il fronte di attacco, lui e Stepinski stanno tirando avanti la carretta in attacco, dove Falco e Pettinari sono infortunati. Poi ci sono i meriti dei compagni: entrambe le nostre reti sono nate su azioni corali. Tutta la squadra fa bene in chiave offensiva".

Monza - "Pensiamo al Monza, una gara interessante e che ci intriga. Sarà bello confrontarsi con un avversario di questo livello, speriamo di chiudere bene questo ciclo di impegni ravvicinati con un risultato di prestigio che aprirebbe l'anno nel migliore dei modi".