News

SAMPDORIA, IL FUTURO E' UNA COMICA. Il CDA: "per ora arabi senza soldi e Ferrero allo stadio senza biglietto. Restiamo per senso di responsabilità"

Il futuro del prestigioso club è appeso a un filo: dalle "disgrazie" di Ferrero in poi solo guai per i blucerchiati





GENOVA - “Non ci dimettiamo, restiamo per il senso di responsabilità di non lasciare la Sampdoria nel caos”.

Si è chiuso con questa dichiarazione del Presidente Marco Lanna, l'ultimo infuocato Consiglio di Amministrazione della Sampdoria, in mano a questa struttura dopo i guai con la giustizia dell'ex Presidente Massimo Ferrero, sulla carta ancora titolare della proprietà del club, affidato a un trust dallo stesso Ferrero per curarne la vendita (ogni sua carica sociale è illegittima a causa appunto delle pendenze giudiziarie dell'imprenditore e produttore cinematografico).

Servono 40 milioni di Euro subito, per soddisfare i creditori di Ferrero e sistemare i conti della Sampdoria.

Da tempo si parla di una trattativa con un investitore arabo, Faleh Khalid Al Thani, appartenente alla famiglia reale del Qatar ma con un conto in banca aperto per questa operazione che ancora riporta un saldo piuttosto insoddisfacente…, 0 Euro.

Romei ha parlato di “contatti in corso” per far riempire appunto questo conto bancario, ma allo stato non ci sono liquidità utili a far sopravvivere il club.

A peggiorare la situazione ci si è messo anche lo stesso Ferrero, tornato a “Marassi” per Sampdoria-Roma di lunedì pomeriggio e portato via protetto dagli steward dello stadio dopo un tentativo di aggressione ai suoi danni da parte di decine di occupanti la Tribuna Centrale. Sul fatto il C.d.A. è stato ancora più malinconico: “Ferrero non aveva biglietto o altro titolo di accesso allo stadio, non sappiamo neppure come è entrato”.



Commenti

AL BANO "IN BOLLETTA" si agita in diretta tv: "insostenibile il 202% in più di luce. Ecco quanto pago"!
BIGLIETTI LECCE-JUVENTUS, la società fissa l'ora "X". Ecco da quando saranno in vendita a PREZZI SUPER