CORINI HA CREATO UN LECCE DEVASTANTE: 7 "bellezze" alla Reggiana, ora si vola. La cronaca

Sabato 21 Novembre 2020 | Cosimo Carulli | News

LECCE - Un Lecce devastante asfalta la Reggiana e avanza a grandi passi verso le vette della classifica della B.

Al "Via del Mare" è finita 7-1 per i giallorossi, trascinati da una tripletta di Coda e a segno anche con Tachtsidis, Majer, Falco e Calderoni. Sono così 15 le reti messe a segno nelle ultime tre partite, dopo il tris calato al Pescara e la "manita" rifilata all'Entella.

Implacabile - Corini schiera la formazione attesa alla vigilia, con Calderoni a sinistra in difesa e Paganini confermato mezz'ala destra. Si parte forte col primo avvertimento di Stepinski (destro che trova Venturi pronto), poi arriva il vantaggio. Al 4' cross di Mancosu e Coda appostato sul secondo palo brucia il suo marcatore, lo anticipa e entra nel tabellino dei marcatori per la quinta giornata consecutiva. Il Lecce è un rullo, va vicino al gol con Mancosu (destro dai venti metri parato), con Stepinski (tocco respinto di piede da Venturi) e ancora con Mancosu (sinistro a fin di palo). E al 20', dopo un tentativo di Mazzocchi bloccato senza patemi da Gabriel, arriva il raddoppio: tocco filtrante del capitano per l'attaccante tenuto in gioco da Ajeti, conclusione rasoterra potente e angolata che si insacca.

Tris - Per qualche minuto i giallorossi cedono pochi metri di campo, ma la Reggiana ha le polveri bagnate Poi torna il Lecce: al 38' splendida sinfonia, rilancio di Gabriel, Coda si defila e si porta via gli avversari, inserimento cenetrale di Tachtsidis che riceve e con un sinistro chirurgico infila sul palo alla destra del portiere. Al 43' reazione granata: Mazzocchi dimostra le sue qualità, chiamando Gabriel a una difficilissima deviazione in angolo con un bel sinistro dall'interno dell'area di rigore.

Pallottoliere - In avvio di ripresa Coda spegne subito le residue velleità della Reggiana, firmando al 4' la tripletta personale con un altro sinistro imprendibile su assist di Stepinski. E' il sigillo sulla vittoria del Lecce, anche se la partita regala ancora tanti gol. Dopo il punto della bandiera granata (colpo di testa di Rozzio sugli sviluppi di un angolo, con il Lecce un po' troppo fermo nelle marcature) la squadra di Corini dilaga colpendo altre tre volte. Prima con un diagonale di Falco (premiato prima della gara per le cento presenze raggiunte in maglia giallorossa durante Entella-Lecce), poi con due conclusioni vincenti di Majer e Calderoni, entrambe dalla zona sinistra dell'area di rigore, in bello stile. Finale 7-1, il Lecce può continuare il suo percorso di crescita.

TABELLINO

LECCE - REGGIANA 7-1

Marcatori: Coda al 4' p.t., Coda al 20' p.t., Tachtsidis al 37' p.t., Coda al 4' s.t., Rozzio al 13' s.t., Falco al 24' s.t., Majer al 30' s.t., Calderoni al 39' s.t.

Lecce (4-3-1-2): Gabriel; Adjapong, Meccariello (dal 10' s.t. Zuta), Lucioni, Calderoni; Paganini (dal 1' s.t. Majer), Tachtsidis, Henderson (dal 36' s.t. Listkowski); Mancosu; Coda (dal 10' s.t. Falco), Stepinski (dal 26' s.t. Pettinari). (Bleve, Vigorito, Pierno, Gallo, Gianfreda, Maselli, Rodriguez Delgado). Allenatore Corini.

Reggiana (3-4-1-2): Venturi; Ajeti (dal 1' s.t. Gyamfi, dal 23' s.t. Kirwan), Rozzio, Costa; Libutti, Varone, Rossi (dal 19' s.t. Pezzella), Lunetta (dal 9' s.t. Muratore); Radrezza (dal 9' s.t. Cambiaghi); Mazzocchi, Kargbo. (Voltolini, Martinelli, Zampano, Zamparo, Espeche, Marchi, Gatti). Allenatore Alvini.

Arbitro: Maggioni di Lecco (Lo Cicero-Di Iorio, IV Ufficiale Santoro).

Note: ammoniti Paganini, Varone e Falco, angoli 2-7, recupero 0' p.t., 0' s.t.