CODA SENZA SCONTI PER L'EX: "sarà particolare, vinciamo senza la mia esultanza"

Martedì 30 Marzo 2021 | Marco Errico | News

LECCE - Dopo quattro doppiette consecutive Massimo Coda non ha intenzione di fare sconti alla sua ex e amata Salernitana. Ecco le parole del bomber giallorosso che si è affidato alle domande dei giornalisti nel cuore di questa settimana “bollente".

Ricordi - “Non sarà una partita qualsiasi, ho dei ricordi indelebili con quella maglia. Ancora oggi ricevo quotidiani messaggi di affetto dei tifosi granata. Di quella squadra è rimasto solo Mantovani, quindi tutti i nostri avversari saranno tali anche per me, non ci sarà spazio per sentimentalismi”.

Esultanza - “Con la doppietta di Frosinone sono a quota 79 nella classifica dei gol in B, sono entrato nei primi 50 cannonieri di tutti i tempi della categoria, è un motivo di vanto, ma l'ambizione è ovviamente farne qualcuno importante anche in A. Ma comunque pensiamo alla Salernitana: se dovessi segnare, ovviamente, non esulterei per rispetto, ma sarebbe importantissimo vincere”.

Conferme - “Questa classifica me l'aspettavo, anzi potevamo arrivare in questa posizione già da prima visto il nostro potenziale. A volte ci siamo tirati la zappa sui piedi, ma siamo ancora nelle condizioni per cui possa dipendere tutto da noi. Cerchiamo di vincerne il maggior numero possibile, poi vedremo dove saremo arrivati…".

Obiettivi - “Ad inizio campionato sognavo la A e il titolo di capocannoniere, diciamo che sto dando il massimo per centrarli entrambi".

Compagni di reparto, la “pagella” - “Per i compagni di reparto mi sto trovando benissimo con Pettinari, che è uno che libera molto gli spazi per me. Rodriguez Delgado è più frizzante, ama la giocata, può aiutarci anche a risolvere una partita da solo, mentre Stepinski ama dare profondità: sto bene con tutti”.

Ambizione - “Corini è stato bravo quando le cose andavano male, non ci ha messo pressione, ci ha fatto divertire, in allenamento è rimasto sempre leggero, di buon umore. Vorrei avere una opportunità seria in A, come l'ha avuta Caputo a Sassuolo, dove ha dimostrato di non essere un attaccante inferiore, solo da Serie B, ma di essere all'altezza della A e addirittura della Nazionale".

Duello a distanza - “Tutino ha gamba, velocità, tecnica, se non affrontato bene è molto pericoloso. Sarà comunque tosta nel complesso, sono molto solidi, subiscono poco e sanno essere molto aggressivi. La partita va messa dalla nostra parte subito, nei primi minuti, dobbiamo cercare di colpirli il prima possibile".