News

62 PLUSVALENZE SOTTO INCHIESTA: la FIGC mette nei guai la Juventus. C'è anche l'AFFARE OLIVIERI

L'esterno offensivo del Lecce era passato dall'Empoli in bianconero per quasi due milioni e mezzo di Euro





ROMA - La Procura Federale della FIGC ha aperto un fascicolo di inchiesta su 62 plusvalenze sospette maturate solo negli ultimi due anni nel calcio italiano a grandi livelli.

L'inchiesta nasce da una verifica ispettiva della CONSOB (la società che verifica la correttezza dei bilanci delle società quotate in Borsa).

A richiamare l'attenzione della Procura guidata dal Procuratore Nazionale Giuseppe Chinè sono in maggioranza operazioni finanziarie da attribuire alla Juventus, in minoranza al Napoli, al Genoa, all'Empoli e alla Sampdoria.

Sotto la lente di ingrandimento ci sarebbero partite di giro di bilancio del tutto inesistenti o “virtuali” che non avrebbero mai previsto esborsi di denaro reali. Con il “giro” delle plusvalenze, sostanzialmente, le società “gonfiavano” la liquidità presunta nelle loro disponibilità di bilancio e con queste finanze immaginarie andavano a comprare calciatori via via più costosi.

Tra gli acquisti e le cessioni sotto osservazione anche il passaggio dall'Empoli alla Juventus per 2,4 milioni di Euro di Marco Olivieri, attualmente in prestito con diritto di riscatto al Lecce.

Una vicenda, pare inutile dirlo ma lo riaffermiamo, in cui il Lecce è solo spettatore, senza nessun tipo di responsabilità.



Commenti

ESPLODE IL BALCONE, CROLLO A SAN PIO: fuga di gas nella palazzina, evitata la tragedia
SORPRESA (NEGATIVA) LECCE "PRIMAVERA": fuori dalla Coppa Italia con la Lazio in casa