News

Su SoloLecce.it. LE PAGELLE POCO SERIE. Non prendetele sul serio

Tornano le nostre "freddure" sulla prestazione dei giallorossi: da non perdere





UDINE - Anche per questo turno di campionato ecco le pagelle poco serie di SoloLecce.it. Da non perdere, ma anche da prendere non troppo sul serio…, mi raccomando!

FALCONE - Troppo insicuro, farcisce la sua partita di respinte con i pugni e allontanamenti di palloni comodi da gestire diversamente. Sul rigore vabbè pazienza, da quando è a Lecce non ne becca uno (anzi, uno a Monza l'ha preso… ed era pure “pesante”). VOTO 5.5.

GENDREY - A un certo punto ci è venuta l'impressione, simpaticamente, che lo facesse apposta a mettersi nei pasticci. Il rigore lo crea lui con il suo attendismo, lì il pallone “scotta” e deve essere trattato diversamente. Per il resto della partita è una catastrofe, la sua partita è tutta da buttare. VOTO 4.

BASCHIROTTO - La consistenza sotto porta dei bianconeri è un po' molliccia, lui tiene bene, salva un gol sulla linea e con tempismo duella talvolta con Pereyra, altre con Samardzic, poi con Success che però lo batte in qualche scontro d'alta quota. VOTO 6.

PONGRACIC - Più elegante del compagno e si vede, fa “muro” a una conclusione dei bianconeri nel 1° tempo e nella ripresa tiene testa al “budinoso” attacco bianconero. E' poca roba, la sua classe basta e avanza. VOTO 6.

GALLO - Quando il tifone Ebosele si abbatte sul “Friuli” lo travolge con la casa, il cane, i gatti e il giardino. Esce sfrattato… VOTO 5.

DORGU - Pure lui deve fronteggiare Ebosele, non è cosa facile, deve cambiare lo spartito solito, quello caratterizzato da un atteggiamento sempre all'attacco. Questa volta se ne sta di guardia, meglio di Gallo. VOTO 6.

RAMADANI - L'ultimo scatto nel dopo-partita è per difendere un giovanissimo tifoso del Lecce “invasore” inseguito dagli uomini della sicurezza dello stadio (che certamente non volevano offrirgli uno spritz friulano…). Il resto della gara è in crescita rispetto alle ultime esibizioni balbettanti. Soprattutto nel 1° tempo ramazza palloni di qua e di là. VOTO 6.5.

KABA - Adesso sta diventando una costante: 1° tempo sontuoso, 45 minuti di atletismo e di presenza scenica. 2° tempo da dimenticare. Quando sarà al 100%? VOTO 5.5.

GONZALEZ - Entra per dare il cambio a Kaba, mettendoci impegno e smistando qualche pallone. S.V.

ALMQVIST - Oscura presenza, nel senso che non lo si vede quasi mai. L'esordiente Tremolada lo grazia di un giallo per una simulazione buona solo per i Mondiali di tuffi. VOTO 5.

OUDIN - Gran lavoro di copertura, di taglio e cucito, meglio nell'apporto difensivo che in quello di idee in avanti. VOTO 6.

BANDA - Imperversa, accende la luce, sfiora il gol. Crea tanto scompiglio ma su tiro-cross di Piccoli gli manca quel centimetro in più per far tornare il Lecce da Udine con 3 punti in più in classifica. VOTO 6.

STREFEZZA - “Lampi” di capitano: un tiro che non “gira” abbastanza, altre accelerazioni degne di nota. La luce fuori dal tunnel. VOTO 6.5.

SANSONE - Entra e firma un assist pesante, saltando prima avversari in bello stile. Premio all'impegno. VOTO 6.5.

KRSTOVIC - Rabbuiato, apatico, scocciato. Certo, la fame c'è sempre, si vede, corre e lotta, ci mette ardore. Ma complessivamente offre un immagine di pigrizia. VOTO 5.5.

PICCOLI - E' lui il migliore del Lecce, e non soltanto per il gol alla Vieri, da bomber consumato. 13 minuti più recupero a tutta forza, correndo ovunque, strappando accelerazioni. E' un bellissimo Piccoli. VOTO 7.5.

D'AVERSA - Ebosele lo fa diventare matto a inizio 2° tempo, facendogli saltare un banco perfetto. Prima e dopo comanda lui, il Lecce è sufficientemente camaleontico e capace di interpretare più situazioni di gioco, moduli e schemi da uscirne fuori ancora, per l'ennesima rimonta stagionale. Non è un fatto casuale. A questa squadra manca un pizzico di cattiveria, qualcuno trova ancora tanti specchi d'acqua in cui guardare la propria bellezza narcisistica, ma ci va bene anche così. VOTO 7.



Commenti

La VIDEO-SINTESI: le immagini, le emozioni. Udinese-Lecce in soli 3 minuti
CIAO CIAO SOTTIL, Lecce costa caro. Volano stracci: lui attacca Pozzo che lo caccia subito