Cronaca

"VOGLIO ESSERE UN BIMBO NORMALE". A 9 anni costretto a fare l'ambulante, scappa dai genitori

La storia di Mohamed, fuggito dai genitori per "consegnarsi" ai servizi sociali e cambiare vita

LECCE - Saranno i giudici minorili ad occuparsi della incredibile storia di Mohamed, un bambino di 9 anni che questa estate al culmine dell'ennesima giornata di lavoro sotto il sole per vendere catenine e stoffe sulle spiagge del Salento è scappato dai suoi genitori e si è “consegnato” prima a una Guardia Medica estiva e poi ai servizi sociali.

“Non ne posso più di lavorare, voglio fare il bambino, andare a scuola, giocare”, le parole che hanno commosso gli operatori sanitari, che hanno condotto il piccolino in una struttura protetta nelle vicinanze di questa marina salentina, ovviamente attivando parallelamente i canali istituzionali e il Tribunale per i Minorenni.

Agli specialisti Mohamed ha raccontato di essere costretto dai genitori a lavorare tuttti i giorni dell'anno pur di fare qualche spicciolo per la famiglia, costretto a portare pesi e a non studiare come gli altri bambini normali che vanno a scuola.

Commenti

Non è STATO nessuno, è morto da solo. PRESCRIZIONE per i poliziotti del pestaggio a CUCCHI. Ora rimettono la divisa?
TERRORE ALLA CHIUSURA DEL RISTORANTE: 60enne seguita sino a casa, aggredita e rapinata

Ultime News