Cronaca

DUE GIORNI IN COMA, POI IL "MIRACOLO". Bambino ingoia un pezzetto di hashish rimasto in casa. La Procura lo allontana dai genitori: servono accertamenti

C'è il lieto fine almeno per le condizioni del piccolo, dopo il dramma vissuto da una famiglia in questi giorni nel Salento

18.09.2022 13:34




LECCE - Due giorni con il fiato sospeso, poi il sollievo: sta meglio e si è risvegliato dal coma, il bambino salentino di due anni che ha ingerito per errore dei resti di spinello di hashish lasciati per la casa dai genitori.

Il piccolo è stato salvato dai medici del reparto di Pediatria del “Fazzi” di Lecce, dove è arrivato d'urgenza e privo di conoscenza, caduto in un torpore da cui nessuno riusciva a svegliarlo.

E' stata la nonna del piccolo la prima ad accorgersi delle condizioni “strane” del bambino, allertando i soccorsi.

Anche le analisi tossicologiche hanno confermato che il bimbo di due anni ha erroneamente ingerito stupefacenti, i resti appunto di uno spinello di hashish lasciato per casa.

La Procura per i Minorenni vuole però continuare a vederci chiaro e per questo ha momentaneamente sospeso la facoltà che una volta ripresosi il bambino venga riconsegnato ai genitori. Ci saranno prima degli ulteriori accertamenti e approfondimenti giudiziari.



Commenti

CEESAY "ACCENDE" I SOGNI: "mai smettere di averne..."
STICCHI DAMIANI PROMUOVE TUTTI: "che organizzazione! E ora cresceremo ancora, vedrete"