News

Su SoloLecce.it. LE PAGELLE POCO SERIE. Non prendetele sul serio

Tornano le nostre "freddure" sulla prestazione dei giallorossi: da non perdere





LECCE - Anche per questo turno di campionato ecco le pagelle poco serie di SoloLecce.it. Da non perdere, ma anche da non prendere troppo sul serio…, mi raccomando!

GABRIEL - La “solita” serata da disoccupato o quasi. Rovinata da quei due che ha davanti… VOTO 6.

CALABRESI - Spinge e non si tira mai indietro. Dai suoi piedi non viaggia sempre polvere di stelle, ma anche calcioni e “spazzate” d'altri tempi, ma è certamente tra i più attivi. VOTO 7.

DERMAKU - Degno erede di Meccariello, non finiscono novanta minuti che non ne combina una. Succede anche questa volta. Sfiora il gol di testa, non basta ad assolverlo. VOTO 5.

LUCIONI - Degno compagno di merende prima di Meccariello e ora di Dermaku. Il Vicenza in attacco ha la pericolosità di Tom con Jerry nel cartone animato di Hanna & Barbera, praticamente sono dei mattacchioni senza intenzioni reali di far male. Eppure in coda alla partita la coppia centrale giallorossa confeziona il solito pacco dono. VOTO 5.5.

BARRECA - Si vede poco, spinge ancora meno. Qualche passaggio nel nulla, molti errori di misura. Tiene la posizione. VOTO 5.5.

GALLO - Normale amministrazione per dare il cambio a un Barreca deludente. VOTO 6.

FARAGO' - Si impossessa di lui lo spirito che fu di Gargiulo e inizia a mazzolare di botte chiunque gli capiti a tiro. Provoca punizioni dal limite per il Vicenza che sono un colpo alle nostre coronarie, ma i biancorossi sono poca cosa. VOTO 5.5.

MAJER - In quattro anni in Italia poteva imparare di meglio aprendo il vocabolario. Comportamento da censurare comunque, anche se di fronte non hai un orfano di mamma. Resta un comportamento di merda. VOTO 4.

HJULMAND - 20 milioni? Non sa neanche lui quanto è forte. E' il migliore in campo. Dirige l'orchestra con la sua bacchetta magica. VOTO 8.

BLIN - Concede l'uscita tra gli applausi al Riccardo Muti del Lecce. S.V.

BJORKENGREN - Prestazione di grande solidità, di grossa qualità e di carattere. Finalmente. Battagliero sino all'ultimo minuto. Fa il geometra, detta i tempi, trova gli inserimenti dei compagni. Bene così. Sarebbe il migliore in campo se non avesse accanto un extraterrestre. VOTO 7.5.

STREFEZZA - La “gabbia” su di lui tiene bene. Costantemente raddoppiato e triplicato trova pochi spunti, ma dà l'idea della pericolosità costante che è già un mezzo voto sulla sufficienza. Comunque c'è, sempre attivo. VOTO 6.5.

DI MARIANO - Poche decine di minuti in campo. Confusionari tra l'altro… VOTO 5.5.

CODA - Ci hanno preso per il culo per una settimana per il 6 con cui lo abbiamo valutato al termine di Lecce-Cremonese. Oggi saranno soddisfatti anche quelli che pesano le prestazioni solo in termini di gol o assist e non per l'utilità complessiva che porta al gioco del Lecce. Lo avranno salvato almeno oggi… Elemento fondamentale dello scacchiere, “dominus” attorno al quale gira la squadra. Sta crescendo. VOTO 7.

LISTKOWSKI - Anche lui in grande crescita. Segna una rete da attaccante consumato, “aprendo” alla perfezione un destro in corsa in diagonale. VOTO 7.

HELGASON - Spiccioli di gara in campo. S.V.

BARONI - E' alla guida del Lecce con i numeri migliori di sempre in B. Basta questo per promuoverlo, nonostante i margini di crescita siano molto ampi. VOTO 7.



Commenti

CODA E' TORNATO "VELENOSO": "mi fa bene al morale, adesso devo crescere nella condizione atletica"
ORA E' UFFICIALE: Paganini è dell'Ascoli, a titolo praticamente gratuito