News

STICCHI DAMIANI RILANCIA: "noi arbitri del nostro stesso destino. La classifica non c'è bisogno di guardarla"

Le parole del Presidente del Lecce dopo la vittoria maturata con il Frosinone al "Via del Mare"





LECCE - Dopo la prestazione di sostanza e carattere del Lecce con il Frosinone è tornato a parlare il Presidente giallorosso Saverio Sticchi Damiani con cui abbiamo analizzato il momento attuale degli uomini di Baroni, le prospettive di classifica e di calendario. Ecco le sue parole.

Bene dopo la sosta - “Abbiamo recuperato energie mentali, giocatori infortunati, è stata utile. I ragazzi hanno dimostrato con il Frosinone di non avere solo valori tecnici importanti. E' emerso attaccamento e serietà, hanno disputato una gara attenta e reattiva contro una formazione estremamente attrezzata”.

Ritorno del dieci - “Nel nostro tridente Di Mariano è fondamentale, tanti mesi senza di lui sono stati pesanti. E' evidente che ci sono stati dei periodi in cui le prestazioni hanno per forza risentito delle tante assenze. Devo ringraziare tutti i ragazzi che hanno sempre tenuto botta, non si sono mai risparmiati, con l'unica eccezione della gara di Cosenza… Abbiamo dimostrato che quando riposiamo e recuperiamo tanti elementi riusciamo a non prendere neanche un tiro da una squadra come il Frosinone. E' un fatto straordinario”.

Futuro - “La classifica non conta, conta la Ternana martedì. Sarà una partita da affrontare con questa stessa voglia e questa stessa concentrazione messa in campo contro il Frosinone. Se facciamo gare di questo livello di attenzione e sostanza saremo noi stessi gli arbitri del nostro destino”.

Coda - “A Lecce in due anni ha messo a segno 44 reti. Mi fa piacere. E' perfettamente dentro al nostro progetto, al gruppo, alla città, è all'apice della maturità calcistica e dà tutto per questa maglia. Sono convinto possa ancora scrivere pagine altrettanto indelebili di storia del Lecce”.



Commenti

Su SoloLecce.it. LE PAGELLE POCO SERIE. Non prendetele sul serio
LANCI NEL NULLA E IDEE ZERO: questa "PRIMAVERA" di Grieco è una LAGNA. A Ferrara sconfitta pesantissima