ASSIST PER IL GOL, 7 CONTRASTI VINTI, 90% DI PASSAGGI. Lo "scout" incorona HJULMAND: i Quarti dell'Europeo sono a un passo

Domenica 28 Marzo 2021 | Cosimo Carulli | News

GYOR - Morten Hjulmand è con un piede e tre quarti, praticamente virtualmente, ai Quarti di Finale dell'Europeo Under 21 in corso in Slovenia e Ungheria.

Il danese del Lecce ha battuto con i suoi compagni di squadra 2-0 i pari età dell'Islanda nella 2° giornata del gironcino della massima competizione europea giovanile ed è pronto a staccare il pass per la fase a eliminazione diretta che si disputerà dal 31 maggio al 6 giugno, in piena eventuale bagarre play off per la Serie B.

La Danimarca come detto ha liquidato gli islandesi 2-0, tutto nel primo tempo, con l'assist di Hjulmand per il gol del vantaggio di Isaksen al 5' che ha sbloccato la partita, già sul 2-0 prima del 20' del primo tempo. Nel finale della prima frazione di gioco l'Islanda ha buttato via un'occasione per rientrare in partita, fallendo un rigore parato dall'estremo difensore danese.

Danimarca Under 21 che sale a 6 punti su 6 nel girone, con 3 reti fatte e 0 subite, un cammino perfetto. Mercoledì alle 18 sempre a Gyor, in Ungheria, ultimo atto del girone, con Danimarca-Russia. Entrambe le nazionali, per una combinazione di risultati che potrebbe arrivare dal calendario, potrebbero festeggiare con un pareggio eventuale, ma dipende tutto dal risultato di Russia-Francia di questa sera.

Secondo lo “scout” ufficiale dell'UEFA, che organizza l'Europeo Under 21, Hjulmand, che ha giocato tutti e 94 i minuti di questa sfida dopo i dieci minuti in campo nella 1° giornata, ha toccato 89 palloni, con il 90,4% di passaggi riusciti, confezionando un assist diretto in porta, come detto, ma anche 4 lanci lunghi a segno su 6, vincendo 7 contrasti su 11, di cui 2 su 2 aerei.

Il baby danese è stato anche ammonito, al 73', e ora dovrà stare molto attento nell'ultima gara con i russi a non collezionare un altro giallo: salterebbe l'eventuale appuntamento nei Quarti di Finale dell'Europeo, a fine maggio.

Quando il Lecce spera di essere già in A, per non rimpiangere la sua assenza nei play off.