Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

CARICA LIVERANI: "determinante, non definitiva. Vince chi sbaglia meno. FARIAS andrà gestito"

Mercoledì 1 Luglio 2020 | Marco Errico | News

LECCE - Fabio Liverani segnala un Lecce in crescita e pensa positivo in vista dello scontro diretto che vedrà il Lecce opporsi alla Sampdoria di Ranieri (CLICCA QUI PER LA VIGILIA DORIANA).

Ecco le parole del tecnico del Lecce sulla sfida del "Via del Mare".

Progressi - "Ho la consapevolezza che la squadra sta trovando ritmo, intensità e un certo tipo di gioco. E' evidente che non siamo quelli di prima della sosta forzata, ma ci stiamo avvicinando a quella condizione. E stiamo recuperando degli elementi importanti".

Condizione - "Sul piano atletico già dal Milan alla Juventus si è vista una crescita, sono positivo per il prosieguo del campionato".

Soluzioni - "Perdiamo Lucioni e Rossettini, ritroviamo Farias. Non mancano le difficoltà, ma almeno abbiamo una risorsa importante davanti, saremo bravi a gestirla. Le scelte sono un po' obbligate, ma sono abbastanza tranquillo, ci sono dei calciatori che possono fare una buona gara. Per il modulo vedremo alla fine, abbiamo delle idee e le uniremo alle condizioni dei ragazzi prima di scendere in campo. Le possibilità sono due: difesa a tre o a quattro, dipende se Donati giocherà esterno o da terzo centrale. Vedremo".

Nuovi alla riscossa - "Paz e Vera Ramirez hanno dimostrato di essere pronti, a Torino hanno fatto bene. Paz era a suo agio, Vera Ramirez è partito bene ma alla lunga ha pagato sul piano fisico, ha sempre giocato poco".

Barak - "Antonin era nel progetto dall'inizio, dal primo giorno, pur essendo in prestito non ha mai pensato di lasciarci al 30 giugno, mentalmente sta bene. Non avevamo grandi problemi a confermarlo, la burocrazia spetta alle società, non a noi che ne restiamo fuori".

La Sampdoria - "Scontro diretto, dunque determinante, non definitivo, ovviamente, perchè ci saranno atlre nove partite. Va affrontato con determinazione e concentrazione. Vincerà chi sbaglierà meno tra le due, non mi aspetto una grande partita dal punto di vista del gioco. Sarà una gara combattuta".