Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

MORDE LA TIGRE LAPADULA: "ora la SPAL, la più difficile delle tre partite"

Martedì 11 Febbraio 2020 | Marco Errico | News

ACAYA - E' stato il grande protagonista nel tabellino dei marcatori di questo Napoli-Lecce da ricordare.

Parliamo di Gianluca Lapadula che oggi si è presentato in Sala Stampa nello spazio interviste. Ecco quali sensazioni ci ha trasmesso il bomber del Lecce che con la doppietta del "San Paolo" ha toccato quota sette centri stagionali, a una sola rete dal record personale di marcature in A, otto nell'unica stagione con la maglia del Milan nel campionato 2016/2017 (FOTO SOPRA L'ESULTANZA DI GRUPPO DOPO IL 2-1 MOMENTANEO DEL LECCE A NAPOLI).

Sacrificio - "Sapevamo che sarebbe stata una partita complessa e che avrebbero scelto di partire forti. Siamo stati compatti e bravi a soffrire mezz'ora, poi il gol del vantaggio ci ha dato fiducia, è subentrata la consapevolezza che potevamo venirne fuori con il bel gioco, ribattendo tutto colpo su colpo".

Doppietta - "E' chiaro che sono soddisfatto a livello personale, come sono contento per Mancosu, ma alla fine tutto conterà soltanto se riusciremo a salvarci. Sto bene fisicamente, è la prima volta in quattro anni di A che faccio un ritiro senza problemi e sino ad ora i risultati si stanno vedendo".

Rinforzi decisivi - "Ci hanno dato una grossa mano: Saponara ha qualità con cui può fare la differenza, ma pure il cambio di modulo o il ritocco del 4-3-1-2 al 4-3-2-1 ci sta portando dei benefici. Ma è stata la sconfitta di Verona a farci scattare qualcosa dentro, quella batosta è servita".

La SPAL - "E' stata bellissima l'accoglienza dei tifosi alla stazione, anche se io sono arrivato in macchina perchè ho tardato a Napoli per l'antidoping. Ho visto comunque i filmati sui social, davvero emozionanti. Ora dobbiamo pensare alla SPAL che a Lecce farà la gara della vita, non mollerà un pallone. Sono una bella squadra, che si è stabilizzata in A con uomini che conoscono la categoria, sarà fondamentale il nostro approccio. E' la più difficile partita del trio di gare tra Torino e Napoli".