CORINI NON SI SENTE AL BIVIO: "dopo l'Ascoli non ho dormito, ma non è decisiva"

Lunedì 8 Febbraio 2021 | Marco Errico | News

LECCE - Non è un esame da dentro o fuori. Eugenio Corini vuole voltare pagina dopo la sconfitta di venerdì con l'Ascoli ma non si sente al bivio. Ecco le sue parole alla vigilia di questo delicatissimo impegno casalingo con il Brescia.

Delusione - “C'è stata grande delusione dopo venerdì sera, ora dobbiamo trasformare questa delusione in energia. Quando uno ci mette passione e lavoro non si deve mai preoccupare di niente, deve solo capire le cose che devono essere migliorate. Domani affronteremo una squadra molto forte, sappiamo di aver regalato già tanti punti, è un peccato grande che non dobbiamo ripetere, non ce lo possiamo permettere".

Ritardo - “E' ancora presto per parlare di partita decisiva, ma non possiamo perdere più terreno rispetto alle prime. Vogliamo mettere in campo una prestazione che ci rilanci”.

Carattere - “Spesso ci capita di andare sotto inizialmente, ma adesso i punti si fanno più pesanti, dobbiamo fare attenzione a non complicarcele. Le squadre vengono a Lecce con l'idea precisa di chiudere tutto il campo e provare il contrattacco, giocano speculative. Ma se vogliamo fare un campionato da protagonisti dobbiamo reggere a tutto questo, essere ordinati e lucidi sempre".

Contro la città d'origine - “A Brescia ho fatto il mio percorso, ho dato il meglio che potevo dare, la gente mi ha apprezzato. Questo è quel che resta per me".

Notte insonne - “Sono nelle condizioni per cui non posso avere alibi di sorta, sono messo nelle condizioni di lavorare al meglio, abbiamo messo dentro 16 giocatori nuovi, 5 in questa sessione, questo ci ha anche fatto perdere qualche tappa del nostro percorso. Ho comunque accelerato inserendo i nuovi subito, continuo a pensare di avere a disposizione una squadra forte che può essere protagonista. Non c'è stata l'accelerata che mi auspicavo, ma proveremo a lottare per i primi due posti sino alla fine, altrimenti ci prepareremo al meglio per altro. Dopo la sconfitta con l'Ascoli non ci ho dormito la notte, avevo grandi aspettative per quella partita”.

Situazione infortunati - “Dermaku, Calderoni e Listkowski non ci saranno per questa partita e neanche a Cremona. Felici è rientrato in gruppo, abbiamo qualche dubbio su Rodriguez Delgado e Hjulmand. Il ragazzo danese ha fatto molto bene ma va gestito dal punto di vista atletico per preservarlo. Stesso discorso per la nostra giovane punta spagnola, che ha una problematica alla caviglia che comporta anche delle fitte muscolari, non possiamo perderlo con un inortunio più grosso, dobbiamo gestirlo. Yalcin dopo la sosta per il coronavirus sta lavorando subito sul ricondizionamento atletico, ma ha bisogno di un periodo di tempo per crescere. Posso dire che è un ragazzo che ha dei colpi, ha qualità, è una risorsa in questo momento a gara in corso”.