Cronaca

IL VIDEO. LA LEZIONE DI ELENA NELL'ITALIA SENZA DIRITTI: "muoio da sola, ma non voglio farmi divorare dal tumore, ciao a tutti"

E' morta nella clinica svizzera di Basilea dove si è recata per il "fine vita", la donna veneta malata di tumore allo stadio terminale





BASILEA - “Avrei voluto morire tenendo la mano di mia figlia e di mio marito, nel mio Paese, l'Italia, ma per evitare di soffrire e di vedermi divorare dal tumore e dai dolori sono qui, dove mi è possibile morire”.

Elena, 69 anni, la donna veneta conosciuta sino a qualche giorno fa per ragioni di privacy con il nome di “Adelina” ha avuto la morte, come voleva, a Basilea, dove si è fatta accompagnare ieri dal Tesoriere dell'Associazione “Luca Coscioni”, il radicale Marco Cappato.

Elena aveva ricevuto una diagnosi terribile appena lo scorso luglio, un anno fa: microcitoma polmonare allo stadio avanzato, un tumore che giorno dopo giorno l'avrebbe consumata tra atroci sofferenze. Da qui alla decisione della morte in Svizzera, dove è legale questo percorso consapevole, come ha ricordato la donna in questo toccante video che sta facendo il giro del web.



Commenti

ULTIM'ORA. Ancora un attaccante: Lecce, trattativa avviata, arriva la "BANDA"? IL VIDEO
ASKILDSEN, "SALENTINITA'" TRAVOLGENTE: "altro che nordico, voglio diventare leccese. Per ora so cosa vuol dire 'angale'..."