News

SU SOLOLECCE.IT. 31 dicembre: nasce il nuovo Lecce con "L'UOMO" di De Picciotto nel C.d.A. ECCO CHI ESCE

Assetti societari: ecco il nostro punto della situazione, in esclusiva su SoloLecce.it





LECCE - Vacanze natalizie con un pensiero importante in più in casa Lecce.

Il 31 dicembre l'attuale assetto societario incontrerà e incrocerà la strada della linea De Picciotto, quella illustrata in una lunghissima conferenza stampa alla vigilia del campionato dal magnate italo-svizzero del Lecce (CLICCA QUI SE VUOI CAPIRE DI COSA STIAMO PARLANDO).

Il 31 dicembre, infatti, scadrà l'attuale Consiglio di Amministrazione, l'organo supremo del governo di tutte le società per azioni che in questi anni non ha mai visto al tavolo direttamente l'azionista di maggioranza relativa del Lecce, nonostante il suo impegno di capitali nella società.

Con l'anno nuovo, dunque, il Lecce avrà nella stanza dei bottoni o direttamente De Picciotto o più probabilmente un suo strettissimo collaboratore, un riferimento diretto in società, quel che è sin qui mancato alla sua componente.

Non un terremoto, non uno scossone, ma un avvicendamento che il Lecce spera più soft e indolore possibile, tra un consigliere di amministrazione destinato ad uscire e uno dato in entrata che sappia essere la “voce” di De Picciotto nella gestione diretta del Lecce.

In questo senso gli spazi di manovra ci sono per non alterare troppo la compagine societaria: con Saverio Sticchi Damiani Presidente e Corrado Liguori e Alessandro Adamo Vice nel C.d.A. siedono sia Dario che Silvia Garofalo in rappresentanza della agenzia di assicurazioni condotta da entrambi in S.r.l., ma anche due cosiddetti “tecnici”, voluti da Sticchi Damiani per impreziosire il valore della società qualche anno addietro, quando si è insediata ed aveva bisogno anche di credibilità, di visibilità nazionale, di buoni uffici nelle stanze che “contano”.

Per questo il candidato ad uscire dall'organo di governo del Lecce per far posto alla componente De Picciotto è uno tra l'avvocato Salvatore De Vitis, ordinario di Diritto Commerciale all'Università del Salento, esperto nazionale di diritto commerciale, fallimentare, bancario, finanziario e contrattuale e il manager cinematografico Paolo Del Brocco, Amministratore Delegato di RaiCinema da ben 11 anni (NELLE FOTO SOTTO IN ORDINE DEL BROCCO E DE VITIS).



Commenti

CHECCO, CON QUESTI "MATTI" C'E' DA LAVORARE: Maldive pazze, da 4-0 a 4-4 alla prima uscita del nuovo CT
LA SCHEDA. Il nuovo Codice della Strada. Regole per i MONOPATTINI, multe e penalità per l'uso del cellulare