News

BLEVE, L'ORGOGLIO DEL CAPITANO: "una grande emozione, sull'esempio di LEPORE e GIACOMAZZI"

Le parole del portiere del Lecce, migliore in campo al "Rigamonti"





LECCE - Non ha per nulla fatto rimpiangere Gabriel, sfoderando una grandissima prestazione e prendendosi anche la fascia di capitano a partita in corso dopo l'uscita di Lucioni.

E' il momento di Marco Bleve, che in Sala Stampa si è presentato a taccuini e microfoni. Ecco le sue parole qui in sintesi, sotto nella video-intervista integrale.

Emozione - “Non sono un ragazzo che sente l'emozione, è stata come tante altre volte. Ci tenevo a fare bene, stiamo facendo risultati positivi in serie e non volevo deludere nessuno. Sentivo solo questo peso, ma è andata bene”.

Baroni - “I suoi complimenti mi hanno fatto piacere, certe parole dette da chi ha vinto campionati sono una bella iniezione di fiducia”.

Capitano - “Certo, se Lucioni fosse rimasto in campo sarebbe stato importante per tutti noi, ma la fascia al braccio mi ha reso orgoglioso. E' un sogno che ogni bambino nato e cresciuto a Lecce credo abbia, è un onore e un grande orgoglio averla avuta un quarto d'ora”.

Esempi da capitano e da portiere - “Come portiere del passato del Lecce mi è sempre piaciuto Rosati, con cui ci sentiamo spesso. Come capitani Giacomazzi e Lepore sono dei punti di riferimento a livello umano”.

Futuro - “Cerco di allenarmi allo stesso modo ogni giorno, quello del portiere è un ruolo delicato devi essere pronto. L'allenatore da inizio campionato ci dice sempre che è più importante al risultato finale chi subentra dei titolari, l'ho preso come un motto”.

Ritorno - “Avevo lasciato Lecce perchè chiuso da due grandi portieri, volevo mettermi in gioco e far vedere il mio valore e l'ho fatto anche scendendo di due categorie. Ma la voglia di tornare in giallorosso è stata sempre tanta, sono contento di essere qui”.

Il Cosenza - “Lunedì è un banco di prova importante, non mi fido mai delle gare in cui si parte molto favoriti. Ci daranno filo da torcere ma dobbiamo mettercela tutta per tornare a vincere. Dopo avremo ancora il Parma in casa, ci abbiamo già giocato contro una grandissima partita in Coppa Italia. Sono due partite in cui dobbiamo fare altrettanti grandi prestazioni”.

Modelli personali - “Mi piace giocare con i piedi, quindi prendo spunto dai portieri moderni come Ederson (Manchester City) o Ter Stegen (Barcellona). Ma quando si tratta solo di parare, del gesto della parta per noi portieri non c'è altro che Buffon come riferimento”.



Commenti

Qui Cosenza. SONO TRE LE ASSENZE che vanno concretizzandosi. Un dubbio importante a centrocampo
IL LECCE DIVENTA UN REBUS: non recupera TUIA, influenza per DERMAKU. La difesa è da inventare