Settore Giovanile

"PRIMAVERA", COME E' DURA...! Questa volta il 2-3 dice Roma, ora il TORINO per una salvezza complicata

I giallorossi alla vigilia dell'ultimo turno di campionato: ecco tutte le combinazioni possibili per raggiungere un grande risultato





SAN PIETRO IN LAMA - Questa volta il 2-3 non è stato felice e storico come quello del Lecce di Barbas capace di scucire lo Scudetto dal petto della Roma, ma anzi ha avuto l'effetto di buttare via tutte le ultime speranze di salvezza diretta del Lecce “Primavera”, battuto come detto 2-3 dai giallorossi della Capitale nel penultimo turno della stagione regolare del campionato.

E pensare che i salentini, sotto a fine 1° tempo, erano stati capaci di ribaltare la capolista sul 2-1 con Mommo e il difensore-goleador Lemmens, prima di subire la nuova contro-rimonta dei ragazzi di De Rossi che alla fine hanno resistito anche in dieci agli attacchi generosi del Lecce.

Lecce che alla vigilia dell'ultimo turno di campionato per salvarsi direttamente deve battere il Torino in casa e sperare in una combinazione doppia di risultati, ossia che Milan-Genoa finisca senza la vittoria degli ospiti e che il Napoli crolli in casa con il Verona. Più realistico per i giallorossi sperare solo nel primo dei due avvenimenti, in modo da scavalcare solo il Genoa in classifica e giocare lo spareggio play out con il vantaggio di essere meglio piazzata del “grifone”.

Intanto con i giallorossi romani il tecnico Grieco ha schierato questa formazione con il tradizionale 4-3-3: Borbei; Lemmens, Hasic, Pascalau, Nizet; Daka, Vulturar, Mommo (dal 38' s.t. Piazza); Gonzalez, Carrozzo, Berisha (dal 26' s.t. Salomaa).



Commenti

CODA, L'UOMO DEI RECORD: è il 1° del calcio italiano capocannoniere in B due volte di fila. IL SUO FUTURO? Eccolo...
BARONI, emozioni e parole: "questa è una terra che mi ha marchiato a fuoco". IL POST