Su SoloLecce.it PARLA LUI. STICCHI DAMIANI dopo la presa di posizione della Curva Nord: un MESSAGGIO DA NON PERDERE!

Martedì 14 Settembre 2021 | Marco Errico | News

LECCE - Tra il buon pari strappato a Benevento e il bagno di affetto che ha sommerso la “Primavera” al “Via del Mare” il Lecce si lascia alle spalle un bel fine settimana, iniziato male, con la presa di posizione della Curva Nord espressa con lo striscione di cui oramai tutti conosciamo il contenuto, esposto all'esterno del settore “caldo” del tifo (FOTO SOTTO).

Oggi parla lui, con SoloLecce.it: parla Saverio Sticchi Damiani. Ecco la nostra lunga intervista alla fine di questo mini-turbine di emozioni, positive e non.

Da Benevento un segnale - “Ho visto dei miglioramenti rispetto alle prime giornate di campionato. Abbiamo creato tanto, esprimendo per larghi tratti gioco piacevole, sul terreno di gioco di una candidata alla Serie A, piena di giocatori di Serie A e che pochi giorni prima aveva ottenuto un risultato prestigioso sia pure in amichevole ma importante, con il Napoli. Mi è piaciuto molto l'impatto che la squadra ha avuto sulla gara: eravamo presenti atleticamente e agonisticamente”.

Crescita complessiva - “Le due settimane di lavoro in occasione della sosta ci hanno giovato. Anche perchè non dimentichiamo che questo gruppo è stato completato con calciatori arrivati pure nelle ultime ore di mercato. Abbiamo sbagliato il secondo tempo di Cremona, con il Como pagato una disattenzione difensiva. Credo sia il minimo sindacale da concedere a dei ragazzi ancora in fase di rodaggio e che si stanno conoscendo”.

Entusiasmo - “Ora mi aspetto delle conferme, a partire da sabato con l'Alessandria. Sarà una gara completamente diversa rispetto a quella di Benevento. Sarebbe importantissimo centrare la prima vittoria, poi ci attendono trasferte come Crotone e Cittadella, poi la sfida con il Monza”.

Speranze e attese: il rapporto con il tifo - "Spero ancora di vedere in casa nostra lo stesso clima di entusiasmo che ho vissuto da avversario a Benevento, dove la squadra locale è stata sostenuta dai propri tifosi soprattutto quando serviva, nei momenti di difficoltà. La tifoseria del Benevento ha sostenuto la squadra costantemente, percependo la nostra superiorità in campo, aiutando i propri ragazzi in campo, percependo le loro difficoltà a superare una fase centrale del primo tempo in cui potevamo andare più volte in vantaggio. Insieme sono venuti fuori da quella situazione al cospetto di un gran bel Lecce

“Esempio” dalla “Primavera” - "Sono stato felice domenica scorsa quando ho visto tanta gente per l'esordio casalingo in campionato dei nostri ragazzi, con 2mila persone sugli spalti, con famiglie e bambini che indossavano la maglia del Lecce. Abbiamo vissuto una giornata di calcio autentico, come il calcio giovanile riesce a regalare. E abbiamo lanciato un messaggio importantissimo, non solo a livello locale, con il nostro pubblico che ha apprezzato le qualità di tanti giovani di talento. E' stato straordinario l'impatto che ha avuto questa squadra con il campionato, c'è una differenza enorme rispetto al livello della scorsa stagione e lo dimostrano anche le difficoltà che stanno incontrando le altre squadre neopromosse, Napoli e Pescara. Merito anche dell'area tecnica, che in pochissimo tempo ha fatto un ottimo lavoro".