News

BARONI RITROVA LA "SUA" REGGINA: "partita diversa dalle altre, ma pensiamo a crescere"

Le parole del tecnico giallorosso alla vigilia di Lecce-Reggina di domani alle 16.15 al "Via del Mare"

03.12.2021 16:08




LECCE - Marco Baroni conosce bene la “sua” Reggina e sa bene che domani ci vorrà un grande Lecce per battere la sua ex squadra.

Ecco i temi della vigilia del tecnico toscano del Lecce, qui sotto in sintesi e poi nella versione video integrale.

Dubbi - “Ho qualche dubbio in più sulla formazione, veniamo da due gare ravvicinate. Mi prendo ancora qualche ora per delle valutazioni, ho tenuto tutti sulla corda perchè ora c'è bisogno di tutti. Sarà una partita piena di insidie, complicatissima”.

Classifica - “Questo è un campionato in cui tutte le partite sono importanti, non ci sono avversari facili. La classifica la guardo, mica vi prendo in giro, ma senza particolare attenzione. La mia è rivolta ora alla nostra crescita, dobbiamo pensare a noi”.

Mediani e goleador - “Quando i centrocampisti segnano vuol dire che stanno facendo quel che gli chiedo, finalmente. Da questo punto di vista mi fa piacere per Majer, Gargiulo, per chiunque si inserisca e riesca a incidere. La squadra deve pensare sempre al gioco, a un fatto di idee e di movimento”.

Hjulmand un esempio - “Ho visto una reazione importante del ragazzo dopo quell'errore che poteva condizionarlo. E' tornato dagli spogliatoi lucidissimo, cong rande qualità. Gli ho detto che pretendo che sia sempre così e certamente Morten è in grado di fare la differenza in questo senso se continua su questi livelli”.

Reggina - “E' la partita più pericolosa di tutte, perchè ho visto tutte le partite e non stanno facendo male. Si può perdere per episodi, per un motivo o per un altro. Mi attendo una gara in cui servirà una grandissima prestazione per avere ragione dei nostri avversari”.

Ricordi - “Sono arrivato a Reggio Calabria in un momento delicatissimo, abbiamo dato tutto con i miei collaboratori e abbiamo raggiunto l'obiettivo. L'abbiamo fatto, da parte mia c'è massima considerazione, riconoscenza e gratitudine. Il calcio va avanti, ma posso solo spendere parole positive per la Reggina”.

Attaccanti e scelte - “Devo essere coerente con i miei giocatori, se dico loro durante la settimana che costruiamo qualcosa non posso smentirmi durante la gara. Lavoriamo non per prendere un punticino o qualcosa, ma per crescere. Se stiamo lavorando su Olivieri come punta e con Rodriguez Delgado come attaccante esterno poi devo essere coerente anche sul terreno di gioco”.

Calci piazzati - “Dobbiamo migliorare sui calci da fermo. Anche perchè abbiamo i saltatori e quando non arriva il gol su azione dobbiamo utilizzare questa risorsa importante. Ci stiamo lavorando molto per migliorare”.

Tifosi - “Ai ragazzi dico sempre che abbiamo un compito importante, quello di entusiasmare questa piazza. Dobbiamo dare ancora segnali, far vedere in campo gente che lotta, gente con le idee. Poi il calore viene da solo, siamo noi che dobbiamo essere all'altezza dei tifosi”.



Commenti

38 ANNI DOPO, CIRO E MICHELE: sono sempre i nostri eroi di bambini
I CONVOCATI: tutto sull'infortunio di TUIA, i dettagli! Ma anche su FUORI ROSA e DIFFIDATI