Ospiti

Qui FROSINONE. Quanti guai, tanti infortunati! DI FRANCESCO: "Lecce bella e indimenticabile"

Le parole del tecnico dei ciociari alla vigilia di Lecce-Frosinone





FROSINONE - Eusebio Di Francesco ha parlato alla vigilia di Lecce-Frosinone, come sempre, con i giornalisti al seguito dei gialloblù ciociari. Ecco le sue parole in ottica Lecce.

Assenze - “Mazzitelli non ce la fa, la speranza è di averlo con la Juventus, mentre Monterisi non si è allenato ancora in gruppo, domani vediamo all'ultimo richiamo che faremo al mattino. Gli faccio i complimenti perché con il Torino è rimasto in campo quasi 100 minuti in condizioni incredibili, con la caviglia il doppio del normale”.

Ballottaggio sulle fasce - “Loro hanno ottime ali, il Lecce spinge forte sugli esterni, Oyono è più abituato di Lirola a giocare mancino, ma ha avuto un problemino pure lui in allenamento. Vedremo all'ultimo”.

Ancora infortuni - “Domani giocano i migliori che abbiamo, non possiamo pensare in ottica Napoli e Juventus, i prossimi turni. La partita nostra è questa qui di Lecce, anche Cuni ha avuto una settimana complicata, vediamo…”.

Passato giallorosso - “Non si tratta di un ritorno a sorpresa perché tante volte sono stato a Lecce a vedere giocare mio figlio, anche se una volta soltanto dal vivo allo stadio, poi andavo solitamente a trovarlo. Nella mia esperienza leccese ero un giovanissimo tecnico alle prime armi arrivato con una società in uscita, che stava vendendo. Anche nel Salento abbiamo fatto una gara storica, davanti 3-0 col Milan e poi rimontato da un Boateng che segnava in ogni tiro in porta. A parte questo ho un ricordo straordinario e indimenticabile di Lecce, una città bellissima”.

L'amico D'Aversa - “Sono contento stia facendo bene, sta facendo il mio stesso percorso, di rilancio dopo un passaggio a vuoto. Sono molto felice, è un amico e un osso duro a padel: è molto bravo”.



Commenti

Non c'è pace per la SUPERCOPPA ITALIANA: cambiano ancora le date, 4 salteranno una giornata di campionato
Anche i latitanti vanno al supermercato. CORSA FINITA PER UN BOSS DELLA SCU: deve scontare altri 20 anni, preso a Roma