LA B SCENDE IN CAMPO: "provvedimenti del Governo o migliaia di famiglie senza stipendi"

Sabato 31 Ottobre 2020 | Marco Errico | News

MILANO - Nel fine settimana e nel posticipo del "Via del Mare" di lunedì sera la Serie B scenderà in campo anche per difendere se stessa.

"Senza provvedimenti del Governo rischiamo di chiudere, centinaia di persone direttamente o tramite l'indotto del calcio saranno senza lavoro": è il grido d'allarme del Presidente della Lega Serie B Mauro Balata che ha promosso una iniziativa di sensibilizzazione dei temi più "caldi" che riguardano il futuro della categoria.

"Dipendenti diretti, fornitori, collaboratori, gestori dei servizi: migliaia di famiglie senza un sostegno del Governo andranno definitivamente al tappeto dopo le ultime restrizioni. Per questo su tutti i campi della 6' di B tutti i dipendenti dei club saranno sugli spalti degli stadi a porte chiuse, con uno striscione con un messaggio eloquente: 'Non lasciate morire il calcio degli italiani'. Al momento, infatti, non ci sono norme a tutela delle società sportive in una fase storica così delicata nel mezzo di una pandemia mondiale. A pagare saranno soltanto le famiglie di centinaia di persone che rischiano di restare senza lavoro".