CODA, PARLA LUI! E per la prima volta mette una parola chiara sul contratto... L'INTERVISTA

Giovedì 19 Agosto 2021 | Marco Errico | News

LECCE - Subito in rete e decisivo nel primo impegno ufficiale del Lecce, con la doppietta che ha steso il Parma in Coppa Italia.

Parliamo di Massimo Coda, capocannoniere uscente della B, che ha aperto la settimana delle interviste in Sala Stampa verso il debutto del Lecce in campionato domenica sera a Cremona (si gioca dalle 20.30).

Ecco le sue parole, sotto in sintesi, ancora sotto nella video-intervista integrale.

Condizione - “In ritiro ho sofferto i carichi di lavoro incredibili di Baroni, ma sono stato sempre tranquillo, sapevo che al momento giusto mi sarei fatto trovare pronto. L'allenatore mi chiede di svariare su tutto il fronte offensivo, di iniziare la pressione sulle difese. E' un tipo di gioco che richiede maggiore dispendio energetico”.

Nuovi - “Per quanto riguarda i nuovi Strefezza a Parma mi ha subito dato un'ottima impressione. E' un giocatore che può esserci molto utile, per l'abilità di saltare l'uomo. Helgason mi ha colpito per controllo di palla e tiro, vedrete che è un gran bel giocatore. Olivieri ha bisogno forse un po' come me di trovare la forma, ma può essere devastante e ha un ottimo tiro. Blin garantisce corsa e ha un senso della posizione importante”.

Contratto - “Spero di averne uno più lungo in modo da poter stare tranquillo, vista la mia età, per potermi concentrare solo sul campo. E' un argomento che va affrontato, spero il prima possibile. Voglio dare il massimo, migliorare i numeri della passata stagione. E' difficile, ma è un obiettivo”.

Avversario - “La Cremonese è un avversario costruito bene, rispetto agli anni scorsi ha acquisito maggiore consapevolezza dei suoi mezzi. Affronteremo un avversario agguerrito, anche loro vorranno iniziare col piede giusto. E' rimasto lo stesso tecnico, i calciatori sono gli stessi in linea di massima, non avranno problemi. Mi aspetto una gara dura, anche fisicamente”.