AltroLecce

GALLIPOLI, VERGOGNA E SQUALLORE: "Vella lavati la bocca", striscioni e cori sessisti contro la Presidente. Arrivano I DASPO

Le forze dell'ordine stanno individuando gli autori del gesto per il divieto di entrare negli stadi





GALLIPOLI - Dopo la ricchissima era Barba e la caduta rovinosa, a Gallipoli il calcio vive anni complessi, con due realtà calcistiche che si contendono la piazza, in Eccellenza Pugliese e in Promozione Pugliese.

Alla guida dello “storico” Gallipoli Football c'è la giovane imprenditrice magliese Paola Vella (NELLA FOTO SOPRA AL CENTRO DURANTE LA PRESENTAZIONE DELLE MAGLIE DA GARA DEL GALLIPOLI), contro cui ieri si sono scagliati i tifosi dell'altra squadra della città, il “Città di Gallipoli”, che al “Bianco” riceveva il Ginosa per il suo turno di Promozione Pugliese (2-0 il finale).

Cori sessisti, insulti irripetibili ritmati dai tifosi nei loro canti accompagnati da uno striscione poco lusinghiero, “Vella lavati la bocca”, potrebbero costare caro ai tifosi del “Città di Gallipoli”.

Sulla base di alcuni scatti fotografici e dei video inequivocabili in cui si riconoscono chiaramente le parole dei cori a sfondo sessuale destinati alla Presidente le forze dell'ordine stanno individuando tutti coloro che erano dietro allo striscione incriminato e gli autori dei cori, per arrivare all 'emissione dei DASPO.



Commenti

GIA' RIPRESA LA PREPARAZIONE: Dermaku e Faragò in differenziato, Di Mariano out per squalifica
ALLA DERIVA. La "Primavera" va avanti due volte e riesce a perdere 3-4. LA SALVEZZA SI COMPLICA