Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

GENERAZIONE DI FALLITI: costringono un 15enne a gesti erotici, fanno girare il video, nessuno dice niente. ARRESTATI

Mercoledì 6 Dicembre 2017 | La Redazione | Cronaca

NARDO' - I Carabinieri di Nardò non ci hanno pensato due volte: nonostante fossero due ragazzini li hanno arrestati. Troppo grave il reato, troppo alto il rischio per la vittima, giusta la "punizione" esemplare.

E così sono stati portati via dalle famiglie in manette e ora sono in una comunità, un 15enne e un 17enne di Nardò che per settimane avrebbero seviziato un coetaneo, preso a calci e pugni, sequestrato e portato in un bagno pubblico di Nardò, sotto l'occhio del cellulare che riprendeva tutto: un video in cui la vittima veniva costretta a gesti sessuali di autoerotismo, mentre veniva minacciato e ancora picchiato. Un filmato finito di cellulare in cellulare, via chat, in tutta la scuola, senza che nessuno dei ragazzini dell'istituto avesse la forza di denunciare nulla. Meglio guardare il video e farsi una risata, probabilmente. Una generazione di falliti, insomma.

Sono servite le denunce dei familiari del ragazzo a far scattare le indagini, che i Carabinieri hanno deciso di accelerare perchè uno dei due "bulli" ha minacciato di picchiare la vittima, di nuovo, se non avesse ritirato la denuncia.

Ora questa coppia di violenti è accusata di sequestro di persona, tentata estorsione, violenza sessuale, pornografia minorile. Avranno tempo per riflettere.