CASERTA "LANCIA" IL SUO BENEVENTO: "Lecce candidato alla A, ma noi in crescita"

Venerdì 10 Settembre 2021 | Marco Errico | Ospiti

BENEVENTO - A poche ore da questo delicatissimo Benevento-Lecce ha parlato anche Fabio Caserta, il tecnico dei sanniti che oggi incrocerà anche parte del suo destino da calciatore, da ex giallorosso salentino. Ecco i temi della sua vigilia.

Il Lecce - “Sicuramente molto forte, una delle candidate a un ruolo da protagonista in questo campionato. Sia singolarmente che nel collettivo hanno pochi punti deboli. Da calciatore ho un ricordo bellissimo, oltre la retrocessione. Andò male, ma fu una esperienza fantastica”.

Euforia dopo Napoli - “Non bisogna esaltarci per l'amichevole vinta, tutte e due le squadre hanno fatto giocare tanti ragazzi che dovevano fare minutaggio. E' stata una bella serata, non pensiamoci più. Abbiamo margini per crescere, le vittorie e le prestazioni ci aiuteranno ad avere consapevolezza di noi”.

Situazioni in sospeso - “Glik è tornato dalla Polonia e si è allenato a parte, bisogna vedere come sta soprattutto fisicamente perchè ha accusato una botta che l'ha costretto ad uscire. Niente di grave, sembra, ma valuteremo solo nelle ultime ore se avrà recuperato del tutto”.

Lotta Serie A - “E' presto per fare valutazioni e griglie. Al momento non ci sono favorite perchè i valori dopo due giornate non possono essere ancora credibili".

Variazioni al 4-4-2? - “A Napoli abbiamo giocato a lungo a tre in mezzo, il sistema di gioco è comunque relativo. Dipenderà dalle caratteristiche dei centrocampisti. Sugli esterni abbiamo qualità a piede invertito che possono far bene nel corso dell'anno, è una soluzione che adotterò anche più avanti".

Moncini e Acampora - “Moncini sta crescendo, sta molto meglio rispetto ad inizio stagione. Valuterò oggi se farlo partire dall'inizio. Vale lo stesso per Acampora, che sta dando ottimi segnali per ritagliarsi uno spazio importante in questo Benevento".