News

COSI' PRESUNTUOSO NON VINCI. Lecce, a Perugia bacia per terra e tira via un punto in una "CORRIDA". La cronaca

I giallorossi largamente in superiorità numerica non riescono a staccarsi al 1° posto in classifica. Il nostro racconto

06.03.2022 17:48




PERUGIA - Coda risponde nel finale all'ex Olivieri e Perugia-Lecce finisce 1-1. Un pari carico di rimpianti per la squadra di Baroni che per un tempo intero ha giocato in superiorità numerica per l'espulsione di Kouan nel finale di 1° tempo, ma non ha dato mai un segnale di voler sfruttare questa superiorità numerica, andando clamorosamente sotto dal punto di vista del gioco e del punteggio.

Nuovo vestito tattico - Baroni ricorre al doppio mediano con tre uomini dietro a Coda, per togliere punti di riferimento a un Perugia abile soprattutto nel distruggere il gioco avversario. Lucioni si riprende il suo posto, poi davanti alla difesa ci sono Blin e Hjulmand, i trequartisti Ragusa, Rodriguez Delgado e Listkowski. Si parte a ritmi indiavolati, ma non ci sono occasioni, Coda con un colpo di testa scalda le mani di Chichizola, poi conclude dal limite, senza grattacapi.

Perugia in dieci - Con il passare dei minuti la partita si fa durissima, con falli e nervi a fior di pelle. Alla mezzora Rodriguez Delgado ha l'occasione per sbloccarla, servito da Ragusa, ma il suo sinistro da ottima posizione è debole e centrale. Clima incandescente nel finale di tempo, quando l'arbitro estrae il 2° giallo per Kouan (fallo di mano in barriera su una punizione di Ragusa). L'espulsione fa “incendiare” definitivamente il clima, anche perchè il tifo locale è convinto di alcuni torti arbitrali maturati nell'ultimo mese.

Ex avvelenato - Con un uomo in meno Alvini nella ripresa mette dentro Curado e Burrai per Falzerano e Lisi, passando alla difesa a quattro. Il Lecce ha un uomo in più, ma non si vede. Al 10' Calabresi salva sulla linea su Olivieri, sulla ripartenza Rodriguez Delgado è solo davanti a Chichizola che con un tocco di gamba con il destro manda in angolo accanto al palo. Clamorosa occasione buttata via per cambiare l'inerzia alla gara. Baroni getta nella mischia Helgasone  Majer, ma dopo qualche istante deve forzare un cambio, perchè Gabriel si ferma per un problema muscolare. Dentro Bleve. De Luca “liscia” clamorosamente a un metro dalla porta, è praticamente una fase di “assalto” Perugia che arriva al gol. Burrai lancia Olivieri nello spazio, Lucioni è bruciato sullo scatto, Bleve legge in ritardo l'uscita e si fa saltare dall'ex giallorosso che in diagonale a porta vuota firma il vantaggio lasciandosi andare a una esultanza polemica verso la panchina del Lecce.

Coda di rigore - Il Lecce accusa il colpo, reagisce scomposto, senza idee e stanco. A dieci dalla fine tocca a Bleve evitare il raddoppio respingendo un diagonale di De Luca. Baroni si gioca anche le carte Asencio e Gallo e proprio all'ultimo respiro agguanta il pari. Fallo di mano in piena area di Santoro e rigore, senza dubbi, trasformato da Coda con un rasoterra secco, preciso e angolatissimo che Chichizola tocca ma nella sua porta, col “brivido”. In pieno recupero il Lecce avrebbe due occasioni clamorose per vincerla: Lucioni conclude a fin di palo dopo una deviazione di Curado che rischia il clamoroso autogol, sull'angolo in mischia Hjulmand in area piccola “spara” a botta sicura ma trova un prodigioso intervento di Chichizola. Finisce 1-1, con la panchina del Lecce che avvia la sua “caccia” all'uomo per rispondere alle polemiche messe in campo da Olivieri.

TABELLINO

PERUGIA - LECCE 1-1

Marcatori: Olivieri al 22' s.t., Coda (rigore) al 45' s.t.

Perugia (3-4-1-2): Chichizola; Sgarbi, Angella, Zanadrea (dal 29' s.t. Beghetto); Falzerano (dal 1' s.t. Curado), Segre, Kouan, Lisi (dal 1' s.t. Burrai); Santoro; De Luca (dal 43' s.t. D'Urso), Olivieri (dal 29' s.t. Matos). (Taccagno, Megyeri, Gyabuaa, Murgia, Dell'Orco, Ghion). Allenatore Alvini.

Lecce (4-2-3-1): Gabriel (dal 16' s.t. Bleve); Calabresi, Lucioni, Tuia, Barreca (dal 40' s.t. Gallo); Blin (dal 13' s.t. Majer), Hjulmand; Ragusa (dal 40' s.t. Asencio), Rodriguez Delgado, Listkowski (dal 13' s.t. Helgason); Coda. (Borbei, Simic, Gendrey, Bjorkengren, Strefezza, Dermaku). Allenatore Baroni.

Arbitro: Santoro di Messina (Lombardo-Di Gioia, IV Ufficiale Ancora, VAR Di Martino, AVAR Di Vuolo).

Note: espulso Kouan per doppia ammonizione al 44' p.t., ammoniti Listkowski, Falzerano, De Luca, Rodriguez Delgado, Blin, Calabresi, Tuia e Majer, angoli 0-2, recupero 2' p.t., 4' s.t.



Commenti

Qui Perugia-Lecce: formazioni ufficiali, tabellino, azioni, "TUTTO LIVE"
IL GESTACCIO CHE SI E' VISTO ALLO STADIO: Olivieri mostra i "gioielli" tra le gambe alla panchina del Lece