Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Esclusivo. NESSUNA ASSOCIAZIONE A DELINQUERE: assolti gli Ultrà Lecce. La Procura ha speso i nostri soldi in un PROCESSO-BLUFF

Mercoledì 2 Maggio 2018 | La Redazione | News

LECCE - Nessuna associazione a delinquere. Assolti.

Oltre 30 belle notizie per la Curva Nord giallorossa, nel processo scaturito da un'inchiesta avviata dalla DIGOS di Lecce nella primavera 2008 e che culminò anche in 14 arresti e a svariati indagati a piede libero.

Le accuse, per associazione a delinquere e altri reati, erano state formulate dal Procuratore Aggiunto Ennio Cillo che aveva chiesto 71 anni di carcere complessivi, oltre a 16 assoluzioni per intervenuta prescrizione o insussistenza dei reati.

Ma il giudice ha fatto di più e meglio per gli imputati: tutti assolti dal reato maggiore, quello di aver agito come in una organizzazione criminale, in associazione. Il fatto non costituisce reato per il giudice di primo grado.

E adesso fateci dire una cosa: SoloLecce.it è l'unica testata giornalistica salentina che non ha esposto alla macelleria pubblica l'elenco dei nomi degli indagati e dei processati, conservando nei riguardi della vicenda il tatto che avrebbe meritato. Un certo giustizialismo a senso unico, invece, quello che non colpisce mai stupratori provenienti da famiglie "bene", finanzieri corrotti o politici avventurieri aveva consegnato alla gogna mediatica, da 10 anni, gli ultras assolti oggi.

Vedremo quale sarà la reazione della stampa locale che in altre città e con altre penne ben più responsabili e dotate di senso civico avrebbero impiegato queste ore, invece, a chiedersi come mai la giustizia italiana abbia investito centinaia di migliaia di Euro in un processo che si è rivelato quel che sembrava agli occhi lucidi di noi osservatori, un buco nell'acqua.