Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

LO STUDIO dell'Università: ragazze leccesi le più disinibite d'Italia, sesso a 12 anni, porno e "canne"

Venerdì 30 Novembre 2018 | La Redazione | Cronaca

Risultati immagini per ragazzine vanno a scuola

LECCE - Sono dati estremamente allarmanti, quelli che arrivano dall'indagine dell'Università degli Studi di Padova e che non lasciano dubbi. Su un campione di studenti intervistati in tutta Italia hanno colpito soprattutto i risultati delle dichiarazioni volontarie di ben 891 studenti dei licei leccesi, un buon campione dunque.

A Lecce il 43% dei nostri minorenni fa abituale uso di stupefacenti, in maggioranza ragazze, nel fine settimana anche ragazzi: entrambe le categorie, ragazzi e ragazze sono abituali consumatori di alcool. Per le ragazze leccesi il primo rapporto sessuale completo è attorno ai 12 anni.

Dati spaventosi, quelli del mutamento sociale e nelle abitudini dei nostri giovani: sono stati presentati dal Dipartimento di Endocrinologia dell'Università degli Studi di Padova. Per gli esperti è la provincia di Lecce quella più disinibita d'Italia e sono le ragazze a peggiorare le statistiche. Più dei ragazzi fanno sesso non protetto in età praticamente preadolescenziale, non usano contraccettivi, non chiedono a casa nulla sull'educazione sessuale ma si "informano" tramite i porno on line, guardati soprattutto dalle ragazze. In più fanno uso abituale di sostanze stupefacenti.

Un quadro preoccupante che è stato presentato all'Open Space del Comune di Lecce dall'ordinario dell'ateneo veneto Carlo Foresta.